Ricomincio da zero

Ricomincio da zero. Perché un titolo del genere? Perché mai come in questo periodo avverto il bisogno di cambiare. C'è chi vive b...


Ricomincio da zero. Perché un titolo del genere? Perché mai come in questo periodo avverto il bisogno di cambiare. C'è chi vive benissimo facendo le stesse cose tutti i giorni, c'è chi invece sente la necessità di trovare nuove ispirazioni e nuove idee in progetti, anche se piccoli e semplici. Voglio rivalutare il blog, voglio farlo rinascere perché se è vero che ancora oggi nascono blog ogni giorno, è anche vero che in Italia sta andando a morire il fatto di leggere il blog. La gente non ha tempo di leggere, è più facile farsi abbagliare da una bella foto su Instagram. È più facile ascoltare un video mentre si sta facendo qualcosa piuttosto che leggere un blog. Beh io non ci sto, voglio ritornare alle origini, voglio ricominciare da zero. 

Questo pensiero fresco fresco l'ho partorito giusto due giorni fa quando dopo non so quanto tempo (saranno stati anni), mi sono imbattuta in un blog e ci sono rimasta attaccata per due giorni, salvandomi, come si faceva un tempo, duemila foto in una cartella su PC (sì perché non è la stessa cosa che averla su Pinterest). E la cosa buffa è che questa blogger svedese la seguo già da alcuni mesi su Instagram, ma mai ero stata sul suo blog. Perché? Com'é potuto accadere? Da quando si è cominciato a dare più importanza a una bella foto "sbrilluccicosa" anziché al blog, contenitore di idee, pensieri e progetti? Ho provato a darmi delle risposte e sono giunta alla conclusione che il tran tran quotidiano non c'entri niente. Eh no cavolo quello c'era anche prima! 

Potrebbe essere colpa proprio di internet che oggi è sempre più veloce e vuole tutto-subito a portata di click e che con questo comportamento ci siamo disabituati a leggere? Potrebbe essere colpa nostra che ci siamo lasciati abbindolare da immagini accattivanti su altri social (vedi Instagram) che di vero non hanno nulla? Conosco profili che postano foto studiate settimanalmente. Al lunedì mi sveglio e programmo tutti i post relativi alla settimana, mi vengono i brividi solo a pensarci. Come cavolo siamo arrivati a questo? Com'è potuto accadere che ci siamo lasciati infinocchiare in questo modo?

Il blog rimane il contenitore di idee, progetti e pensieri per eccellenza. Ok non ti piace più una persona e la smetti di seguire, ma questo è un altro discorso. Qui si sta parlando di un grande esodo di massa, la gente che leggeva i post dov'è finita? Non ci voglio credere che tutte queste persone preferiscano seguire profili che di vero non hanno nulla. Come mi comporto io con IG? Diciamo che posto quasi tutti giorni una foto, ma non mi faccio problemi a lasciare correre anche diversi giorni senza postare nulla. I post non li programmo. Le foto che carico, quando le carico, sono foto della giornata o di uno o due giorni prima e mi servono per raccontare o descrivere una situazione. Questo per me è Instagram.

Photo by Sarah Tognetti

Da quando sono tornata dalle ferie ho avuto solo un pensiero fisso: mollo il blog per l'estate e a settembre si vedrà. Ma cavolo no! Cavolo non voglio farlo. Preferisco farmi il culo questa estate, postare più volte alla settimana per far capire ai lettori che il mio blog è vivo, che i blog sono vivi e hanno tanto da raccontare. Il mio senz'altro ha ancora tante cose da dire, anzi, da due giorni, come prima vi dicevo, mi è tornata quell'ispirazione che avevo all'inizio e che con il passare degli anni era un po' scemata. 

Ora ho in testa di cambiare di nuovo la grafica del blog perché per affrontare quello che dovrà affrontare, avrà bisogno di un abbigliamento adeguato. Voglio provare a cambiare l'editing delle foto e sperimentare cose nuove, voglio provare a raccontare di più il quotidiano raccontando i voli pindarici che fanno i miei pensieri, intervallando tutto questo ai soliti articoli che hanno accompagnato Shabby Chic Interiors in questi anni. Eh sì amici, ci sarà anche spazio dedicato agli sponsor mettetevi il cuore in pace. Chi possiede un blog e lavora con esso è normale che sia così. Ma è anche normale che un blogger rinunci a proposte (anche remunerative) perché con il proprio stile non c'entrano nulla. Per me è così, lo è sempre stato. Quante volte mi hanno contattata aziende, facendomi proposte allettanti, ma ho dovuto dire di no perché la mia faccia, il mio blog con il loro prodotto non c'entrava nulla? Diverse volte, credete.

Ora non voglio divagare, anche se mi piace mettere i puntini sulle i e approfondire alcuni aspetti di noi blogger che in molti ancora non comprendono. Il blog non andrà in ferie quest'estate se non per le due settimane a cavallo di Ferragosto. Il blog è vivo, i blog sono vivi gente, riprendete a leggerli. Imparate a riconoscere le storie vere degli autori che scrivono sui propri blog, non tutti sono marchettari, anzi se devo dirla tutta, nell'interior, anche volendo, è difficile essere marchettari. Fosse moda/fashion sarebbe un altro conto, ma in Italia, a noi interior bloggers chi ci caga? Nessuno ve lo dico io!

Non leggo mai gli oroscopi ma se verso la fine dell'anno, mi capita tra le mani una rivista con il nuovo oroscopo dell'anno, lo leggo curiosa. Il mio diceva che quest'anno sarebbe stato un anno pieno di idee. Talmente tante idee che avrei fatto fatica a capire quale portare avanti e quale invece lasciare perdere. Beh la cosa mi aveva un po' spaventato lo ammetto. Diciamo che è sempre stata una mia pecca il fatto di avere tanti progetti in testa, ma di riuscire a realizzarne nemmeno la metà. Quindi sì, l'oroscopo mi aveva lasciato l'amaro in bocca. Ma oggi sono qui a scrivere nero su bianco: fanculo all'oroscopo! Ho tante idee per questo blog e voglio realizzarle tutte. Mi fate sentire che non sono da sola in questo cammino? 

P.S. Ieri sera ho scritto un brevissimo riassunto di quello che sarebbe stato il post di oggi e beh, voglio ringraziare le persone che con i loro messaggi mi hanno fatto sentire il loro affetto e sostegno. Mi hanno spronato a fare meglio e ad andare avanti. Grazie di cuore a tutti voi, vi meritare un grande abbraccio! 

Ti potrebbero anche interessare:

32 commenti

  1. Ciao Sara, bentornata. Bentornata dalle ferie e bentornata battagliera sul blog.
    È vero che i blog sembrano morire e la colpa è solo della pigrizia che sembra affliggere tutti. Meglio una busta tirata fuori dal congelatore che un pasto cucinato con cura e attenzione sembra dire il mondo. E invece no!
    Io non seguo Instagram e non amo Pinterest, troppe "belle" finte foto, mi piace la realtà.
    Mi piacciono le case belle ma accessibili, le persone belle ma non plastificate in look ed atteggiamenti improbabili.
    Mi piace chi ci mette cuore, faccia e non ha troppa paura di non piacere a tutti, ma proprio a tutti neh..., e se ogni tanto non concordo con loro mi piace ancora di più perché è bello conoscere nuovi punti di vista.
    Grazie del tuo impegno e sono davvero curiosa di sapere dove ti porterà questa nuova svolta. Rosanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosanna del tuo commento. Hai ragione su tutta la linea e condivido il tuo pensiero. Vediamo questa battaglia dove mi porterà! :)
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Bravissima Sarah!! E aggiungo un pacato "eccheccazz!" :*

    RispondiElimina
  3. Ciao Sarah! Ti avevo già commentato il post su FB e non posso tarttenermi dallo spuntare anche qui! Scrivi, scrivi e scrivi! È vero che un video su YT è più diretto o una foto su IG è più immediata, ma le parole, la loro scelta e il testo lungo o corto che sia, la dice lunga su chi c'è dietro e sul come ci sta! Questa tua fermezza mi colpisce, in primis perché decidere di analizzarsi e stabilire una strategia per proseguire è segno di grande presenza e serietà e poi perché il caso vuole ci troviamo un po'nello stesso punto: mi sto analizzando, mi sto chiedendo cosa voglio e dove voglio arrivare e quindi come faccio ad ottenere ciò? Tu conosci le mappe mentali? Per me si stanno dimostrando un grande aiuto! Ho scoperto anche il programma XMind è semplice, intuitivo e mi sta spazzando via la nebbia! Un abbraccione e buon inizio di viaggio!!!
    Ps intanto il nostro Duomo di Milano sta procedendo, speriamo verso la fine... ahahaha!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mappe mentali? Ne avevo sentito parlare tempo fa ma non mi sono mai soffermata a leggere qualcosa a riguardo. Andrò a vedermi qualcosa perché mi hai incuriosito.
      P.S. Felice di sapere che la Sagrada Familia sta procedendo! Ahahah ;)

      Elimina
  4. Si dice (e si scrive) tran tran, oppure tran-tran, o infine trantràn!!! NO tram tram, quelli sono bus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per l'appunto, cambio subito. ;)

      Elimina
    2. P.S. Felice di sapere che leggi il blog! ;)

      Elimina
    3. Ammetto di provare un discreto fastidio per i commenti anonimi;tuttavia non e' per questo, bensí per amore di precisione, che vorrei far notare che il tram NON e' un bus: il primo viaggia su rotaie, il secondo su gomma.

      Elimina
  5. Be' che dire sono felice di aver letto il tuo post e mi aggiungo al coro dicendo di ritornare a leggere, a commentare a partecipare ai blog. È un bellissimo modo di conoscersi e di ampliare anche le vedute e di condividere le proprie con gli altri . Brava Sarah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica per il tuo contributo. Da oggi in poi mi impegnerò a rispondere a tutti i vostri commenti che mi scrivete qui perché ammetto che nei mesi passati, capitava spesso di non riuscire a rispondere. Oggi credo che sia uno degli ingredienti principali per fare rinascere questi benedetti blog ;) e siccome vedo questa battaglia lunga e insidiosa, voglio armarmi di tutte le buone intenzioni possibili! Buona giornata :)

      Elimina
  6. Ciao Sarah questo è uno dei post più belli...da me letto negli ultimi tempi.

    Il mio è un blog piccolino, una sorta di diario, che non riesco a mollare...perché è per me terapeutico...mi piace scrivere ma soprattutto mi fa bene in certi momenti. Come tanti avevo smesso di leggere...presa dai social!

    E' un mese che non posto su Fb e Ig...per scelta, avevo bisogno di una pausa da questo mondo parallelo, che per certi aspetti amo e per altri mi inquieta!
    Questo break mi è servito molto.
    Ho ripreso non solo a scrivere i miei post ma soprattutto a leggere nuovi e vecchi blog. Come te ho scoperto di seguire profili su Ig con blog che mi piacciono e di non essermene accorta!
    Che strana sensazione!
    Penso che ci sia una nuova ondata...di chi vuole tornare all'origine, senza isolarsi ma rinnovandosi in modo diverso.
    Questa nuova "corrente" io l'avverto nell'aria e mi piace molto!
    Aspetto di scoprire i tuoi cambiamenti!
    A presto!
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, capisco molto bene il tuo stato d'animo, penso sia una prerogativa di noi blogger staccare la spina ogni tot e ricollegarci a noi stessi. A volte ci lasciamo abbindolare dal falso e sbrilluccicoso, a volte sono i commenti di alcune persone o anche solo determinati pensieri che non condividiamo che ci fanno dire: ehi fermi tutti, cosa sto facendo io qua dentro?
      Comunque mi fa piacere sapere che senti anche tu le vibrazioni che qualcosa sta cambiando. Io voglio cambiare e da oggi sono intenzionata a lottare con le unghie per portare il blog a come quando era nato.
      In bocca al lupo per il tuo blog. :)

      Elimina
  7. Lo ammetto.
    Pur essendo un "internauta" di prima generazione (le prime "navigate" le facevo con il modem a 33kbit/sec....preistoria!), mi sono avvicinato ai blog in generale relativamente tardi, tre anni al massimo.
    Complice il mio trasferimento all'estero, i primi a cui mi sono avvicinato sono stati quelli che raccontavano storie di expat (= gli emigrati del XXI secolo); subito dopo, complice una casa da arredare ed una mai sopita passione per l'architettura, l'arredamento ed il design, ho iniziato a scoprire pian piano quelli che trattavano di questi argomenti.
    Ovviamente il tuo e' uno di questi (altrimenti non scriverei qui adesso) ed anche uno di quelli che leggo piu' volentieri, per cui sono contento che continuera' a rimanere vivo (tutto questo lungo preambolo per farti i complimenti...ma era giusto cosi'! :) ).
    Oltre questo sono d'accordo con quello che scrivi; mi e' capitato di vedere moltissmi blog anche molto interessanti spegnersi all'improvviso o avvizzirsi piano piano, ed e' un peccato perche' nessuna immagine da sola puo bastare per raccontare una storia.
    Intendiamoci, ho un accont IG, adoro fotografare per cui apprezzo sempre una bella immagine, pero' non e' la stessa cosa, a lungo andare non mi basta.
    Per fortuna leggo che non sono l'unico.

    Complimenti ancora per il blog e scusa per la lunghezza: commento poco, per cui fa conto che questo valga per tutti i commenti mancati :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo che bello rileggerti e non ti preoccupare per la lunghezza, da oggi in poi voglio dedicarvi più tempo, è giusto che sia così. A proposito di expat, sarai felice di sapere che in autunno ripartirà la rubrica "italiane all'estero"! M ha fatto piacerissimo leggere le tue parole, grazie di cuore.
      A presto :)

      Elimina
  8. Ciao Sarah! Non conoscevo il tuo blog e sono capitata qui da una condivisione su facebook. Ci tenevo a dirti che ho letto il tuo post d'un fiato e sono d'accordo al 100%... E volevo anche dirti di avere fiducia, molte di noi i blog per fortuna ancora li leggono e ci credono! Spero anche io che ci sia un'inversione di marcia e si torni a dare ai blog l'importanza che meritano. Secondo me siamo in una fase d'assestamento e ci può stare che la gente si sia fatta travolgere dal potere dei social e dalle foto strappa-like... Noi che ancora ci crediamo dobbiamo farci sentire :)
    In bocca al lupo per la nuova sfida in cui ti sei lanciata! Da oggi hai una nuova lettrice ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina, piacere che tu sia venuta a trovarmi e felice di sapere che condividi il mio pensiero, ma soprattutto di sapere che c'è ancora qualcuno che legge i blog! ;) Lo sai, con la frase "siamo in una fase d'assestamento...ci siamo fatti travolgere dalle foto strappa like", ecco mi hai tolto le parole di bocca, condivido in pieno. Aspettiamo fiduciosi il cambiamento ok? Sono qui pronta a combattere! ;)

      Elimina
  9. Ciao Sarah, mi ritrovo molto su quello che hai scritto! È cambiato il mondo da quando abbiamo aperto i blog... Io continuo imperterrita, leggo sempre i miei preferiti, come te e Irene... È la mia quotidianità, ma se non sono ispirata non divetto matta per scrivere un post o postare una foto.
    Un bacione carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Etta che piacere leggerti. Io divento matta invece quando vedo la mia ispirazione scemare e rasentare lo zero. Forse è il fisico, la testa che mi avverte che ha bisogno di uno stacco per poi ripartire più in forma che mai. ;)

      Elimina
  10. Ma certo che continuo a leggerti e lo faccio anche con altri blog.... Le parole, le persone vere, la vita, le idee, i progetti, il nuovo, il vecchio... Sono le cose che cerco e che possono rispondere alla mia voglia di conoscere! Continua! ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lorenza, certo che continuo. Anzi ora chi mi fermerà più? ;)

      Elimina
  11. Ho fatto la stessa riflessione qualche giorno fa scorrendo una vecchia cartella di link... io sto cercando di fare un po' di chiarezza tra le mille idee che mi saltano in testa... però i blog non devono morire, no!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Sere non devono morire, anche perché prima o poi la gente si stuferà di tutta la fuffa e delle foto finte che spopolano su Instagram. Teniamo duro!

      Elimina
  12. Ciao Sarah,
    condivido tutto cio' che hai scritto e le risposte!
    Io ho un mio piccolo blog da due anni e mi piace tantissimo!!!
    Postare le mie creazioni mi rende felice... ( la pittura in assoluto, decorazioni, cucito e quant'altro!!)... condividere con altre bloggerine i nostri hobby...ma...ultimamente ( è vero) non si scrive più...
    FB & IG hanno preso sopravvento sui blog...peccato!!! ( che...io non ho!!!!)
    Un abbraccio...Carmen



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io continuo a scrivere da quasi dieci anni, a gennaio il blog compie giusto 10 anni. Devo arrivare in formissima a quella data! ;)
      Un abbraccio anche a te

      Elimina
  13. Ohhh... meno male! Leggo molto volentieri te e altri blogger da tanti anni e sinceramente ero dispiaciuta del fatto che latitassero. Sono consapevole dell impegno che la cura di un blog comporta ma spero che altri seguano il tuo esempio.... grazie, Mariapia

    RispondiElimina
  14. Sono felice per tutto quello che scrivi e per quello che ne traspare. Vai avanti con i tuoi scopi, che io mi metto qui a leggerti con sommo gaudio e a rubarti ispirazioni!
    Quello che però vorrei che fosse limpido sono i post scritti per parlare del tal prodotto. Vorrei fosse chiaro fin dall'inizio che sono post sponsorizzati. Nulla di male, sia chiaro, ma per mantenere limpido il tutto vorrei fosse così.
    O magari è già obbligatorio? Boh!? Non sono blogger nè fiscalista...
    Un mega abbraccio
    Susanita72

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Susanita, forse non lo sai, ma da quando ho cominciato a collaborare con aziende (si parla di anni fa) e a fare post sponsorizzati, ho sempre contraddistinto questi articoli con l'etichetta, (label o hashtag come preferisci chiamarlo) "sponsor", proprio per far capire ai miei lettori che si tratta di post sponsorizzati. Trovi l'etichetta tra tutte le altre e se ci clicchi sopra, ti compariranno tutti i post sponsorizzati che ho scritto nel corso degli anni. Come vedi, neanche a me piace fare le cose in sordina e sono d'accordo con te, la limpidezza è una qualità che va sempre ricercata, difesa e voluta.
      Un abbraccio a te.

      Elimina

Flickr Images