La primavera è rosa

Sono nata femmina ma la maggior parte dell'infanzia e buona parte dell'adolescenza l'ho passata da maschiaccio. Detestavo i...


Sono nata femmina ma la maggior parte dell'infanzia e buona parte dell'adolescenza l'ho passata da maschiaccio. Detestavo il colore rosa, odiavo le gonne e non sopportavo le ballerine (le calzature).  D'altronde era difficile arrampicarsi sugli alberi e correre nei campi con quel tipo di abbigliamento. Crescendo ho passato una breve periodo "dark" se così posso definirlo. Infilavo un paio di jeans, i miei anfibi preferiti con la punta di ferro (di una scomodità assurda che se ci penso ora…) e una t-shirt nera. Tuttora ammetto di amare questo stile che oggi definirei più rock che dark, ma c'è un ma. Quando comincia a soffiare il vento tiepido e la primavera è alle porte, ci sono giorni in cui mi vestirei di zucchero soffiato, abiterei sopra una nuvola e decorerei l'intera casa con fiori colorati.

A primavera fiorisce la mia femminilità, la sento scalpitare, vuole uscire dalle mie Vans, vuole evadere dai miei soliti jeans. E così come ogni anno, quella che è diventata "un'abitudine primaverile" si trasforma in un vero e proprio cambiamento: amo le gonne (continuo a detestare le ballerine e a preferire i Dr. Martens), ma soprattutto vado in brodo di giuggiole per il colore rosa. Pensate che in questi giorni sto pensando a colorare qualche parete di rosa cipria, fortuna che non ho tempo altrimenti sarebbe un delirio. Delirio perché rivoluzionerei casa per l'ennesima volta e delirio perché Beatrice e Mathilde, odiano il rosa così come lo odiavo io da bambina. 

Qualche giorno fa navigavo su Pinterest e come accade ogni volta, un'immagine ti porta a un'altra immagine e così via, non si finirebbe più di stare al computer! Mi ero salvata qualche foto dove il colore rosa è protagonista e poco dopo mi è venuta la voglia di creare delle moodboard d'ispirazione. Oggi si chiamano moodboard (che fa tanto figo), una volta si chiamavano collage. Oh quanti collage che facevo da ragazza con le immagini che ritagliavo dai giornali. Avevo dei classificatori pieni di ritagli e ognuno aveva un tema diverso. C'era quello dedicato alla casa, quello dedicato al matrimonio, alla moda e alla cura della persona, ai viaggi e perfino alla cucina. Dico perfino perché cominciai a catalogare ricette quando ancora frequentavo la scuola media. 

Mi piace cambiare e mi piacciono i cambiamenti che le donne affrontano ogni giorno. Siamo o non siamo delle creature speciali? Io lo penso veramente. Oggi mi vesto in tuta, sono struccata e non metto neanche il reggiseno per uscire e domani chissà, potrei mettermi un vestito carino e tacco alto. Siamo poliedriche, siamo camaleontiche, è questa la bellezza, questo è il nostro potere. Possiamo giocare e possiamo farlo rimanendo sempre noi stesse. Comunque questa del rosa è una mania! Pensate che lo scorso mese ho comprato tre smalti (dico tre eh!) smalti rosa. Il nuovo cellulare che vorrei comprare? Anche quello rosa. Non mi resta che aspettare l'estate per uscire dal "tunnel tutto rosa" ed entrare in quello del bianco! ;)


Ti potrebbero anche interessare:

0 commenti

Flickr Images