15 curiosità sull'Ikea

Penso che una delle poche cose (se non addirittura l'unica), che accomuna tutte le case i...


Penso che una delle poche cose (se non addirittura l'unica), che accomuna tutte le case italiane e oserei dire perfino del mondo sia l'Ikea. Ikea è un colosso svedese da 34,2 miliardi di euro, bilancio chiuso ad agosto '16. Praticamente ha avuto un giro d'affari che da solo potrebbe sistemare il debito della Grecia e nei suoi magazzini sono passati clienti pari a tre volte la popolazione europea. L'attesa è concentrata sulle prossime aperture in India e in Serbia. Il gigante svedese vuole comunque espandersi ancora e ha come obiettivo di raggiungere un fatturato di 50 miliardi di euro entro il 2020. Attualmente Ikea ha 340 outlet in 28 Paesi diversi, nei suoi negozi sono passati 783 milioni di visitatori.

Tutti dati incredibili che ci fanno capire quanta strada sia riuscito a fare Ingvar Kamrad, suo fondatore. Premetto che questo non vuole essere un post sponsorizzato, ormai dovreste tutti sapere quanto ami Ikea e quanto trovi geniali le sue idee, soprattutto le trasformazioni che i cosiddetti hackers Ikea riescono ad inventare ogni giorno. Anch'io mi sono dilettata nella trasformazione di una cassettiera ricordate? Se ve la siete persa potete rivedere il post cliccando qui. Per non parlare della mia cucina, struttura interna Ikea e ante personalizzate, qui il post. 

Vi lascio in compagnia di 15 curiosità legate al colosso svedese:

  1. Vi siete mai chiesti cosa vuol dire Ikea? È un acronimo del nome del fondatore Ingvar Kamrad, della fattoria in cui è cresciuto, Elmtaryd e della sua città natale, Agunnaryd.
  2. Non sarà contento il Signore ma il libro sulla sua vita e i suoi insegnamenti, la Bibbia, vanta meno copie dei cataloghi Ikea. Solo nel 2014 sono stati stampati 217 milioni di cataloghi, praticamente si trovano in ogni parte del mondo. 
  3. Dall'anno 2000 a oggi, Ikea abbassa ogni anno i prezzi del 2-3% grazie a un aumento dell'efficenza nella produzione e distribuzione.
  4. Ogni 10 secondi nel mondo viene venduta una libreria Billy. È in assoluto il prodotto più venduto e anch'io ho aiutato a fra crescere questi dati. Infatti per la camera delle mie bimbe ho deciso di acquistare alcune delle librerie disegnate da Gillis Lundgren. 
  5. È stata la prima compagnia mondiale a mettere una coppia gay in pubblicità. Nel 1994 Ikea mostrò per la prima volta una coppia gay in uno spot pubblicitario: due uomini che seduti al tavolo parlano della loro relazione e dei loro mobili. Una cosa che nell'Italia del 2016 sembra ancora essere un tabù, facciamoci qualche domanda. 
  6. Un bambino su 5 nel Regno Unito è stato concepito su un materasso Ikea. Stessa cosa per noi europei. Si dice che un europeo su 9 sia stato concepito su un letto Ikea.
  7. Lo store più grande si trova a Stoccolma ed è pari a più di 55mila metri quadrati. Pensate, è anche segnato nella guida turistica della città. Occhio a non perdere i vostri compagni di viaggio o rischierete di non trovarli più! 
  8. Ikea utilizza l'1% della produzione mondiale di legno, terza compagnia nel mondo per consumo di legno dietro Home Depot e Lowe's.
  9. In Cina è possibile dormire sui letti Ikea all'interno degli store. Gli addetti cambiano perfino le lenzuola per i clienti. 
  10. Ikea sta costruendo una propria città vicino a Londra, un mondo su misura di circa 10 ettari a est della capitale Britannica. Il nome non è stato ancora scelto ma si sa che conterrà negozi, scuole, teatri, un hotel e abitazioni per almeno 6mila persone.
  11. Ce lo siamo chiesti tutti, lo sapete come "inventano" i nomi dei prodotti Ikea? Dietro a tutto questo c'è una logica: letti e armadi prendono il nome da luoghi che si trovano in Norvegia mentre tavolini e librerie da luoghi svedesi.
  12. In Svezia è vietato chiamare il proprio figlio Ikea.
  13. Una web serie è stata girata interamente all'interno di uno dei negozi Ikea di Burbank. Easy tu Assamble è stata prodotta dal colosso svedese nel 2008. Premiata per il miglior cast, passa al setaccio con spirito sarcastico i luoghi comuni della filosofia Ikea. 
  14. Il 47% del Management di Ikea è composto da donne.
  15. L'Italia, la Polonia e la Cina sono i primi tre fornitori di materie prime dell'Ikea e solo al quarto posto si trova la Svezia.

Ti potrebbero anche interessare:

3 commenti

  1. Con me sfondi una porta aperta, adoro IKEA ed il loro approccio di vendita ed assistenza al cliente che è davvero personalizzato ed attento.
    Ti posso poi riportare la mia esperienza: la mia cucina ha ormai 12 anni, la acquistai in economia per via delle mie risorse stremate da una radicale ristrutturazione della casa.
    Mobili comprati pensando durassero un paio di anni sono ancora lì in ottima forma e continuano a piacermi come il primo giorno.
    Insomma, se non ci fosse IKEA bisognerebbe inventarla :o)

    RispondiElimina
  2. Davvero interessante! Pensare che nessuno di coloro che visita Ikea conosce tutto questo (me compresa fino ad ora) e moltissimi sanno solo criticare. Da parte mia posso solo dire che vi sono cose che non mi piacciono, ma anche tantissime che adoro...e in casa mia ho mobili Ikea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni casa che si rispetti c'è almeno un mobile/complemento di Ikea! ;)

      Elimina

Flickr Images