Il grande passo

Come ormai saprete il 1° aprile Gigi ed io ci siamo sposati. Ebbene sì, dopo dodici anni assie...


Come ormai saprete il 1° aprile Gigi ed io ci siamo sposati. Ebbene sì, dopo dodici anni assieme, due bimbe, due cani e vari traslochi, abbiamo deciso che era giunto il momento del "grande passo". Oggi voglio raccontarvi dei momenti prima del sì, di tutta la fase della preparazione. Tra qualche scena bizzarra e un po' di frenesia (come in ogni matrimonio che si rispetti non poteva mancare), siamo usciti di casa senza dimenticare le fedi (il mio terrore), il bouquet (il terrore di Gigi), e il riso per il lancio finale (il terrore delle bimbe).  Anzi ripensando a quella mattina, ammetto che pensavo peggio, nel senso che mi aspettavo di dare in escandescenza, di avere qualche raptus di follia o attacco di panico, ma fino a che non sono salita in macchina, è filato tutto liscio come l'olio. Il dopo è tutta un'altra storia.

Dal primo pomeriggio del giorno precedente, casa mia si era trasformata in un campo di battaglia: piani di pan di spagna a destra e a manca, attrezzi da cucina, creme e cremine alla panna e mia mamma che "imbracciava" una spatola come fosse un fucile e dava ordini come il più severo dei caporal maggiori. Io ero il suo sotto-sotto-sotto-posto e tra una leccata e l'altra (qualcuno doveva pur assaggiare le creme della torta no?) l'ho aiutata con la torta nuziale. Mia mamma è un piccolo genio e ha fatto una torta mitica, avrei voluto farla assaggiare a tutti voi per farvi capire quanto buona fosse.

Più tardi è arrivata Simonetta con una valanga di fiori. Immaginatevi una macchina pieni di rose, peonie, gipsofila, eucalipto, ranuncoli…ecco quella era la sua auto appena giunta a casa mia. Ha cominciato subito a comporre decorazioni floreali e non ha finito se non poco prima dello scoccare della mezzanotte. Quando ci si mette è un vero treno. Nel frattempo Gigi, mia madre ed io abbiamo passato la serata a caricare e scaricare dalla macchina tutto l'allestimento (compreso la torta) che sarebbe servito per decorare il ristorante, cioè non il ristorante, il pub. Sì sì avete capito bene, abbiamo bandito ristoranti e trattorie e abbiamo preferito fare il rinfresco,  o meglio un aperipranzo, al Cafè Il Barbarossa in Porta Soprana. 

Sì certo, avevo immaginato quel giorno (il giorno prima del grande passo) come a un momento di relax, che so magari una cenetta tranquilla, un massaggio, qualche coccola e invece no, nichts, nulla, niente di tutto questo, appena Gigi ed io siamo tornati a casa e abbiamo toccato letto siamo caduti in uno stato catatonico pieno di incubi e immagini in 3D dove io mi dimenticavo le fedi o la promessa a casa, lui forava una gomma e non arrivava in Comune, le bimbe si svegliavano con la varicella e cose di questo genere. È proprio in questi momenti che uno si chiede: "Ma chi me lo ha fatto fare?"

Ma poi arriva il grande giorno e che giorno! Un sole splendente cominciava a fare capolino dai monti dietro casa e per tutta la giornata ci ha tenuto compagnia. In casa eravamo in sette più la Ellie: le bimbe, Gigi ed io, mia madre, la Simonetta e sua figlia. Verso le 9 sono arrivati il fotografo  e i parrucchieri, insomma sembrava di essere a una festa. Beatrice e Mathilde in eccitazione totale sono state le prime a prepararsi. A ruota si è vestito Gigi (confinato in camera delle bimbe perché la tradizione vuole che lo sposo non debba vedere la sposa…infatti abbiamo passato la notte insieme, coerenti vero?), poi ho truccato mia madre e infine mi sono preparata io. Pum-pum cominciavo ad agitarmi.

Il mio abito da sposa, di Sartoria Bassani, era abbastanza semplice: lungo, color champagne, con le spalline sottili e con un ampio scollo sulla schiena. Mi sono sempre domandata come mai una donna non riuscisse ad infilarsi da sola in un abito da sposa, beh ora ho capito e non farò mai più pensieri negativi in questa direzione, lo giuro! Andrea (il fotografo) nel frattempo gironzolava tra di noi come un'ombra. Ha realizzato un servizio bellissimo dove ogni scatto è legato a un ricordo preciso e tutte le foto creano una bellissima storia, la nostra. Il matrimonio era per le 11.30, verso le 10.15 Gigi e Andrea decidono di partire in direzione di Camogli. La mia (nostra) idea era quella di arrivare davanti al Comune di Camogli dove il mio futuro marito era lì ad aspettarmi con il bouquet in mano. Ma come si sa c'è sempre qualcosa che va storto no?

Se in mattinata era filato tutto liscio come l'olio, arrivato il momento di partire c'è stato un po' di trambusto che mi ha fatto perdere un sacco di tempo: hai preso le scarpe? (avevo i bikers come scarpe di riserva). Le giacche? La promessa? No aspetta che prendo i cracker ah e le calze di scorta. Il rossetto me lo tieni? Uh no aspetta il profumo, mi sono dimenticata il profumo. Pum-pum il cuore batte veloce. Praticamente mancavano dieci minuti alle 11 ed ero ancora a casa (ad arrivare a Camogli avrei impiegato circa tre quarti d'ora). Non chiedetemi come ho fatto ma alle 11.30 (va beh dai, qualche minuto dopo) ero comunque davanti al Comune. In macchina però ho avuto una specie di attacco d'ansia che ricorderò per il resto dei miei giorni. Non so, sarà stata la tensione di arrivare in ritardo, troppo in ritardo, oppure la consapevolezza che da lì a poco avrei detto sì lo voglio, Beh è stato un viaggio tremendo e cavolo mi ero pure dimenticata l'acqua a casa. Beatrice aveva sete, Mathilde aveva sete io avevo una sete da morire e non c'era assolutamente il tempo di fermarsi. Argh! 

Tutto a un tratto mentre guidavo in autostrada (ebbene sì, ho guidato la mia macchina mezza distrutta e "mi sono" portata in comune) mi squilla il telefono: Gigi. Il mio primo pensiero? Ha forato una gomma (pum-pum e il cuore va sempre più forte). 

Lui: Amore ma ci hai appena superato con la macchina?
Io: Eh che ne so che macchina ha Andrea. Ma scusa non siete già a Camogli?
Lui: No no siamo ora nei pressi del cavalcavia di Nervi.
Io: Beh sì allora vi ho appena superato (e dentro di me pensavo, ma come cavolo guida piano Andrea?)
Lui: Cosa facciamo quindi, dove ci vediamo?
Io: A questo punto direi di vedersi direttamente nel parcheggio della stazione e andare verso il Comune assieme, che ne dici?
Lui: Va benissimo a tra poco. 

Così invece che arrivare davanti al Comune e fargli la sorpresa (nei mesi scorsi ho immaginato questa scena almeno un centinaio di volte dove io arrivavo con l'abito svolazzante, il vento nei capelli e lui radioso che mi correva incontro con gli occhi lucidi), ci siamo visti nel parcheggio della stazione. Sì decisamente da noi, assolutamente da noi. Siamo scesi dalle rispettive macchine, ci siamo messi a ridere e ci siamo abbracciati, mi sono messa il chiodo, i miei ray ban e mano nella mano, con le bimbe al seguito, ci siamo diretti verso il Comune, pum-pum…to be continued. 


Flowers Designer: Simonetta Chiarugi
Acconciatura: JD Parrucchieri
Decorazioni: Decochic


Ti potrebbero anche interessare:

28 commenti

  1. Io non sono una gran fa dei matrimoni ma il tuo racconto e queste bellissime immagini mi hanno davvero emozionata. E tu sei una sposa e una ragazza bellissima e fortunata! Bacione dalla tua compagna blogger ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sere arrivo in ritardissimo a risponderti ma ci tenevo comunque a farlo. Grazie di cuore per il tuo commento mi ha fatto davvero tanto, tanto piacere! <3

      Elimina
  2. Ciao Sarah! Ti seguo praticamente da sempre anche se non amo molto lasciare commenti...ti faccio tanti auguri! Hai una meravigliosa famiglia e sei la migliore delle blogger. Nel tempo, come succede a tutte noi, sei cresciuta e hai leggermente modificato il tuo stile verso uno shabby nordico, più minimale e ancora più raffinato, come piace a me, ma al contempo sei sempre rimasta fedele all' idea iniziale del tuo blog, senza snaturarlo come molte fanno, riducendo i propri blog ad una serie di consigli per gli acquisti. Ancora tante felicitazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessia, ci tenevo a ringraziarti per le tue bellissime parole. Non potevi farmi regalo migliore. Un bacione

      Elimina
  3. Ma che bello Sarah <3 mi hai fatto troppo ridere :-)

    RispondiElimina
  4. F A V O L O S O! Leggendo ho avuto la sensazione di essere lì con voi! AUGURI

    RispondiElimina
  5. Ma che meraviglia! Un matrimonio rock e per niente lento! Mi sono venuti i brividi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Rock" è stata la parola d'ordine! ;) Un bacione

      Elimina
  6. che favola!!un pò moderna non di quelle tutte soli cuori e fiori ma la tua storia è simpaticissima!!!non vedo l'ora di leggere i capitoli seguenti...
    Ps. perchè non funziona più il sito di quell'agrit di s bonifacio?non riesco più ad andare nel loro sito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta ho smesso di credere alle favole da un pezzo e preferisco alle famiglie del mulino bianco, quelle vere con i loro difetti e le situazioni buffe che le accompagnano nel loro cammino. Noi siamo così e sono felice di trovare un'altra persona che lo apprezzi. Per quanto riguarda il sito dell'agriturismo mi ha detto Mariangela che purtroppo è stato attaccato da una serie di virus per cui ora è inattivo ma tornerà presto online. Buona serata

      Elimina
  7. Tutto meraviglioso .Auguri di cuore a tutti voi !!

    RispondiElimina
  8. che belle foto, che magica giornata... grazie per aver condiviso con noi :-) xoxo

    RispondiElimina
  9. Bellissimo questo racconto! Mi hai fatto davvero sorridere ed emozionare, grazie! Comunque, il tocco dei ray ban e del chiodo sopra l'abito da sposa, be', è davvero superchic :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiodo (eco-pelle eh!) e rayban tutta la vita! Ihih ;) Grazie anche a te per gli auguri Sara.

      Elimina
  10. Maria Paola Robertiello15 aprile 2015 15:08

    Prima di tutto.....AUGURIIIIIII. .....(in ritardo)
    Siene splendidi....vi auguro ogni bene....con tutto il cuore.....
    Maria Paola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ritardo anch'io, anzi in super ritardo ti mando un abbraccio. Grazie di cuore per gli auguri

      Elimina
  11. Aspetto la seconda puntata!!!!! Mi hai fatto venire pure a me il panico mentre guidavi, mannaggia a te!!!!
    Sei speciale Sarah Tognetti in Bevilacqua , e speciale è stato il tuoatrimonio! Però potevi invitarmi eh? Ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Dai domani c'è il terzo post, non perdertelo eh? Un bacione

      Elimina
  12. Tanti auguri Sarah,che risate che mi hai fatto fare!Sulla foto finale però mi sono ritrovata in lacrime!Vi adoro!Buona vita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah addirittura? Eh sì effettivamente sono parecchio buffa! :)

      Elimina
  13. Che ridere! anche la mia macchina aveva superato quella dello sposo, con il risultato che sono arrivata prima di lui (all'epoca non avevamo ancora i cellulari...c'erano dei citofoni che era poco chic portarsi dietro). un abbraccio e aspetto anche io la seconda puntata! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah…fantastico, veramente. Sono momenti che non si dimenticheranno mai.

      Elimina
  14. Bello, tutto così fantastico! auguri!!!

    RispondiElimina

Flickr Images