Design dall'Olanda

Se vi dico Piet Hein Eek vi viene in mente qualcosa o qualcuno? Niente di niente? Scommetto che...


Se vi dico Piet Hein Eek vi viene in mente qualcosa o qualcuno? Niente di niente? Scommetto che se vi comincio a parlare di quelle famose sedie (ma anche sgabelli) realizzate con legno di recupero avete tutti capito di chi parlo non è vero? Piet Hein Eek è un designer olandese laureato alla Design Academy di Eindhoven. Con l'idea originale di utilizzare del legno di recupero ha saputo reinterpretare in chiave contemporanea  una linea d'arredo molto ricercata. Vecchi pavimenti in parquet, legno scrostato proveniente da demolizioni, bancali usurati, sono l'ingrediente principale delle sue collezioni.

Costruisce sedie, sgabelli, poltrone, divani, letti, tavole, credenze ma anche alcuni complementi d'arredo, servizi di porcellane e carte da parati. Ed è proprio di quest'ultime che voglio parlarvi oggi. Sapete che sono una fan della carta da parati vero? Trovo che una bella carta da parati sappia esaltare alla perfezione la parete e quindi tutto l'ambiente in cui è posizionata. È un po' come paragonare un bel vestito su una donna: non può che rendere tutto l'insieme meraviglioso. 

La carta da parati che vi mostro è una carta molto particolare. Innanzi tutto scordatevi la vecchia tappezzeria della nonna ingiallita e scollata negli angoli delle pareti. Non pensate a disegni e decori particolari ma immaginate la bellezza del legno usurato. Sì parlo proprio del legno ingrigito dal tempo e invecchiato ad hoc. Ora trasferite questa immagine sul muro. Risultato? Le carte da parati firmate Piet Hein Eek che ricordano vecchi pavimenti, boiserie segnate dal tempo, listoni e assi di recupero che decorano un'intera parete. Non le trovate meravigliose? Io le adoro!

Cambiando discorso, avete già cominciato a scattare qualche foto in casa per il concorso "il mio angolo di paradiso"? Ma soprattutto avete trovato il vostro angolo di paradiso? Il mio angolino ultimamente è sul divano, "spalmata" su morbidi cuscini davanti il fuoco della stufa. Impossibile non cadere nella pennichella dopo pranzo…e dopo cena! Praticamente mi sto trasformando in un piccolo ghiro. Andrò anch'io in letargo? ;)



Ti potrebbero anche interessare:

2 commenti

  1. il bianco è sempre bello. il nuovo anno preferito è il bianco. grazie amore :)

    RispondiElimina
  2. Che bella! Wow quella carta da parati mi fa impazzire...ma quanto sarebbe ancora più bello un rivestimento in legno vero...qualcosa di simile ma appunto in legno l' ho visto in uno spettacoloso agriturismo nel trevigiano...una parete magnifica, super- country!' PS ho scattato ed ho inviato...hai ricevuto? Questa volta mi ci sono impegnata... :-) :-) un saluto, Emma.

    RispondiElimina

Flickr Images