Il tempo per sé stessi

Questo post lo dedico a tutte le donne travolte dalla frenesia del quotidiano. Viviamo in tempi ...


Questo post lo dedico a tutte le donne travolte dalla frenesia del quotidiano. Viviamo in tempi frenetici ma a volte, anziché correre, bisognerebbe fermarsi e pensare a quello che vogliamo per noi stesse. Desideriamo fare qualcosa? Non aspettiamo di fare quello o quell'altro, di finire gli studi, che i bambini diventino grandi, di trovare il lavoro, il marito…il tempo lo decidiamo noi. L'unica cosa da fare è smettere di rimandare i propri desideri. Io stessa a volte mi perdo tra i tanti sogni ad occhi aperti e mi dimentico del tempo presente in cui sto vivendo, ora, adesso, in questo momento. Mi guardo indietro e penso: "Cavolo se l'avessi fatto invece di sognarlo o pensarlo solamente!". (Photo 1. 2. 3. 4. 5. 6.)

Ho letto l'intervista di una dottoressa che cura malati terminali la quale ha raccontato che i suoi pazienti, alla domanda: "Cosa rimpiangi più della vita?", rispondevano tutti: "Non ho dedicato abbastanza tempo a me stesso". Storia amara che però ci fa capire che non possiamo far vagare la nostra mente e lasciarla libera di passare dal presente al futuro, dal futuro al passato e di nuovo dal passato al futuro in un'attività meccanica e fuori controllo. Lo scrivo ma lo ripeto spesso a me stessa che dovrei prendere più consapevolezza del vivere qui e ora. Voglio fare quello? Allora devo cercare di mettere tutte le mie forze in quel progetto. 

Ovvio non mi sto riferendo a idee irrealizzabili ma a progetti ben definiti e inclini alle nostre capacità. Il nostro giudizio è essenziale ma vi rammento che siamo sempre troppo frenate nel concederci delle libertà, soprattutto se si parla di creatività e di soddisfare un qualcosa che a molti potrebbe sembrare futile, poco adatto a noi, o poco utile. Chi dà il diritto a una persona di sapere cosa è utile per un'altra persona in quel momento? Voglio fare un corso di acquerello? Perché, se ho la possibilità, non posso frequentarlo solamente per il piacere di imparare a dipingere? Non mi servirà a nulla nella vita? A casa mia veniva spesso citato il famoso proverbio: impara l'arte e mettila da parte.

Mai come in questi tempi è importante arricchire il nostro bagaglio culturale ma non solo, anche l'anima ha bisogno del suo nutrimento e sentirsi in pace con sé stesse diventa fondamentale come lo è bere un bicchiere d'acqua. La maggior parte delle volte incontro persone che non sono per niente soddisfatte della propria vita e che secondo me avrebbero solo il bisogno di lasciarsi un po' andare. Mi ricordo che un giorno di parecchi anni fa, una donna di circa quarant'anni, mi svelò del suo grande desiderio di aprire un blog. La sentivo entusiasta e aveva lo sguardo luminoso quando mi parlava, ma nello stesso tempo era scoraggiata dalla famiglia la quale la derideva dicendole frasi del tipo: "Ma cosa vuoi fare alla tua età?", "Non sai neanche accendere il computer e vuoi aprirti un blog?" e anche "Perché non vai a fare un corso di cucina che è più utile?".

1. 2. 3. 4. 5. 6.

Mi viene il nervoso a pensare che qualcuno possa dire queste cose e credere di sapere cosa sia più utile o meno nella vita di una persona. Soprattutto se penso che è stata proprio la sua famiglia a scoraggiarla e a farle perdere l'entusiasmo. Magari in quel frangente questa donna aveva voglia di trovare nuove amicizie, qualcuno con cui condividere una passione o anche solo il gusto di farlo. Non ci deve essere sempre una motivazione più che valida. Penso che a volte se prendiamo la decisione di fare una cosa, la dovremmo fare senza tanto interrogarci sul perché. Non siamo più capaci di essere guidati dall'istinto e mettiamo la ragione davanti ad ogni nostra volontà. Almeno questo è quello che accade la maggior parte delle volte e non ci rendiamo conto che le belle sorprese accadono quando meno ce lo aspettiamo.

Vi ho raccontato la storia di questa signora solo per portarvi un esempio delle piccole cose che ognuno di noi si preclude nel quotidiano, non pensando che il quotidiano non è solo fatto di doveri. È vero, ci sono i figli a cui badare, c'è una casa da tenere in ordine e pulita e un lavoro da mandare avanti, ma c'è il tempo anche per sé stesse: la lettura di un libro, un cinema con l'amica, imparare a suonare la chitarra (mia madre ha imparato da qualche anno ed era felicissima come una bambina quando ha suonato la sua prima canzone) frequentare un corso di yoga o di paracadutismo, perché no? 

Prima il dovere e poi il piacere mi ripetevano quando ero bambina. Crescendo s'impara a lavorare come piccole formiche ma crescendo ho anche imparato a ritagliare dei momenti per me. Ho imparato (anzi sto ancora imparando) a programmare al meglio la mia giornata, la mia settimana per ritagliarmi degli spazi che sono solo miei. In quei momenti non sono una mamma, non sono una moglie, sono solo Sarah con il desiderio di fare un qualcosa che mi faccia stare bene. La lettura è diventata la mia amica quotidiana ma l'estate appena terminata ad esempio, mi ha visto montare su di una bicicletta da trial e cercare di imparare a fare qualche acrobazia sui muretti della mia città. Perché l'ho fatto? Semplicemente perché in quel momento mi faceva stare bene, punto.

Il tempo per noi stesse è importante e se sono serena è questo che le persone vedono quando mi incontrano per strada: serenità. Mi hanno sempre detto che mi sorridono gli occhi quando rido e credo che questo sia dovuto senz'altro al mio carattere solare ma anche alla mia determinazione nel ricercare la felicità nel quotidiano e nella vita. Sono positiva di natura e se vedo il bicchiere mezzo pieno anziché mezzo vuoto lo devo a questo. Se ho due figlie sorridenti e spensierate credo che sia anche per merito di questo, cioè per il fatto che vivono in un ambiente rilassato perché i loro genitori lo sono prima di tutti. Ecco forse un trucco per riappropriarsi del proprio tempo è quello di pensare ai nostri figli come riflesso: se noi stiamo bene per primi, anche loro lo saranno di conseguenza. 

Blaise Pasca, filosofo (matematico e altro ancora), scrisse questa frase che trovo altamente esplicita per gli anni che stiamo vivendo: "Non ci accontentiamo mai del presente. Anticipiamo il futuro perché tarda a venire, come per affrettarne il corso, o richiamiamo il passato per fermarlo come fosse troppo veloce, così, imprudentemente, ci perdiamo in tempi che non ci appartengono e non pensiamo al solo che è nostro, e siamo tanti vani da occuparci di quelli che non sono nulla, fuggendo senza riflettere il solo che esiste". Prendiamoci il nostro tempo amiche.


Ti potrebbero anche interessare:

16 commenti

  1. Grazie Sarah, tu non puoi immaginare il bene che mi ha fatto leggere il tuo post ! Senza saperlo. ..mi hai aiutato molto a prendere una decisione. ..piccola ma molto importante ! Grazie ! Cinzia

    RispondiElimina
  2. Sarah hai proprio ragione, trovare sempre un po' di tempo per fare le cose che ci piacciono è il segreto per la felicità! Un bacione

    RispondiElimina
  3. Ciao Sarah, torno a leggerti dopo molto tempo. Devo farti i complimenti per questo post, diverso dagli altri, ma così pieno di TE. Pensavo le stesse cose...qualche giorno fa! Quindi mi trovi d'accordo su tutta la linea. E visto che questo post è dedicato a tutte" le donne travolte dalla frenesia del quotidiano", ti ringrazio! Buona giornata ;)

    RispondiElimina
  4. Concordo e mi ritrovo tantissimo in ciò che hai detto, questo periodo poi me lo devo appiccicare sul frigo! :

    Penso che a volte se prendiamo la decisione di fare una cosa, la dovremmo fare senza tanto interrogarci sul perché. Non siamo più capaci di essere guidati dall'istinto e mettiamo la ragione davanti ad ogni nostra volontà.

    RispondiElimina
  5. danke für die super bilder und inspirationen, alles liebe und einen schönen donnerstag wünscht angie aus deutschland

    RispondiElimina
  6. sono perfettamente d'accordo con te cara Sarah!Il tempo è un bene prezioso e ogni secondo passato, non torna indietro. Non è retorica. Viviamo pensando di essere eterni. Così sciupiamo tempo, forza ed energie, ingabbiati in una dimensione quotidiana che non appaga i nostri sentimenti, il nostro sentire ed il nostro volere. Sarebbe carino potersi educare sin da piccoli a questa orma fondamentale di rispetto per noi e per gli altri. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  7. Verissimo e lo condivido pienamente!Solo da poco mi sono ripresa i sogni in mano e quanto mi piace!!Grazie anche ad una donna come te!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. io di anni ne ho un po' più di quaranta(!!), faccio un lavoro fisicamente e psicologicamente molto impegnativo e ho aperto il mio blog da sei mesi... mi ha aiutato mia figlia... e sono felice! condivido in pieno quello che hai scritto: viviamo l'oggi perchè ieri se n'è andato e domani deve ancora arrivare...
    lori

    RispondiElimina
  9. Non ci crederà i ma oggi con una mia amica abbiamo parlato proprio di questo l'importanza che dobbiamo dare a noi stesse e lei mi ha detto in fondo se ci pensi quando nasciamo siamo con noi stessi e ci rimaniamo tutta la vita fino alla morte.Questo mi ha fatto riflettere molto e il tuo post non poteva essere più azzeccato.Baci Roberta

    RispondiElimina
  10. Sarah, in versione filosofa : TI ADORO.

    RispondiElimina
  11. Sarah...ho trovato nelle tue parole i miei pensieri.
    spesso mi sento dire:beata te che sei cosi serena e solare...
    senza riflettere a tutto quello che c'è dietro alla mia vita...
    essere presi per alieni solo perché piace il silenzio o fare una semplice passeggiata...
    anche se non ci conosciamo, ti abbraccio!...con il cuore...

    RispondiElimina
  12. Carissima Sarah, complimenti per questo post ma anche per quello di Genova mi sono piaciuti entrambi perché mostrano Sarah nell' intimo. Quando siamo arrabbiati o emozionati ci mostriamo per cio' che siamo intimamente, nel nostro "IO" piu' profondo e quello che ho visto in te mi piace. Quanto al tempo, concordo con un mio conregionale essendo io di Prato, "chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza"! Bisogna vivere assaporando ogni respiro di cio' che la vita ci offre. E' quello che auguro a te ed a tutte coloro che leggono questo post. Ma per quanto ti riguarda credo che tu conosca la ricetta per la salute: equilibrio psico/fisico. Buona vita!

    RispondiElimina
  13. Sarah scusa ho omesso di scrivere il mio nome nel commento con la massima del "Magnifico..." sono Caterina ciao

    RispondiElimina
  14. E' bellissimo questo post, era proprio ciò di cui avevo bisogno! Perdo troppo tempo a rimuginare, riflettere, dubitare e perdo l'attimo, l'occasione!

    RispondiElimina
  15. Sarah... non è che per caso queste riflessioni ti sono venute anche grazie a me che per riuscire a rispondere alla tua telefonata ho impiegato circa una settimana di tentativi falliti??????? Sono un disastro e tu hai così ragione amica mia!
    Un enorme abbraccio e cerchiamo di recuperare il tempo per noi!
    v

    RispondiElimina

Flickr Images