Storia di un vecchio pensile

C'era una volta un vecchio pensile abbandonato in un rudere in mezzo al bosco. Nessuno voleva...


C'era una volta un vecchio pensile abbandonato in un rudere in mezzo al bosco. Nessuno voleva più prendersi cura di lui, nessuno lo volevo più con sé nella propria casa. Fino a quando una ragazza di nome Sarah non lo vide. Riuscendo a vedere sotto lo strato di ragnatele e strati di diverse pitture dai colori improbabili, Sarah se ne innamorò all'istante, intuendo il potenziale nascosto in esso. Lo portò a casa e se ne prese cura. Lo riportò in vita coccolandolo con carta a vetro e qualche mano di pittura. Gli fece pure conoscere un'amica con cui passare il resto della vita: un prezioso asciugamano appartenuto ai bisnonni e trasformato per l'occasione in originali tendine. Questa è la storia di un vecchio pensile. 

Vi è piaciuta la storiella? :) Quando poco più di dieci anni fa conobbi Gigi, era ancora proprietario di un rustico al limitare del bosco. Prima di vendere il rudere, riuscimmo a portarci a casa una vecchia credenza, una tavola da impastare (un giorno vi racconterò la sua storia) ed un vecchio pensile. Tra i tre pezzi, il pensile era sicuramente quello più rovinato. Inizialmente era stato ristrutturato dal "magico Silvano" e trattato con impregnante noce, forse un pò troppo scuro per i gusti di ora per cui una volta trasferiti in questa casa, Gigi ed io abbiamo deciso di cambiargli aspetto. Con molta pazienza e tanto olio di gomito siamo riusciti a riportarlo a legno. Ma il legno non era particolarmente bello e soprattutto stonava con il resto dell'arredamento. L'unica soluzione rimasta è stata quella di ripitturarlo. 

Due mani di colore bianco sporco sono bastate per farlo tornare a splendere. Ora s'intona perfettamente con il resto della cucina. Le mappe e la chiusura inferiore sono originali mentre ho dovuto cambiare tutta la "zona serratura", troppo arrugginita per far funzionare gli ingranaggi di apertura e chiusura. Siccome in questo pensile, vive la nostra dispensa, sono stata costretta a mettere delle tendine ai vetri. Non sono un'amante delle tende ma quando mi sono ricordata di avere in casa qualche vecchio asciugamano appartenuto ai bisnonni, ho avuto un'illuminazione: l'asciugamano sarebbe diventato "le mie tendine". Sono felice di aver fatto rivivere un'altro pezzo appartenuto alla mia famiglia da generazioni. E Gigi ed io siamo felici di essere circondati da mobili che se avessero il dono della parola e potessero parlare, racconterebbero chissà quante storie meravigliose. 


Photo by Shabby Chic Interiors. Don't copy or use whitout permission

Ti potrebbero anche interessare:

9 commenti

  1. Meraviglioso! ne sto cercando uno simile(...meglio due...) proprio in questo periodo e, sotto tuo consiglio, sto anche visualizzando tutti gli annunci relativi su subito.it, ma ancora niente!!! Speriamo!!

    RispondiElimina
  2. Io sono felice di aver potuto "conoscere" quel pensile di persona e anche se non ha il dono della parola...mi ha comunque trasmesso emozioni... ;)
    Eh poi, si, credo che Silvano sia proprio "magico"! Sono felice di aver conosciuto anche lui!
    Ciao cara, buon weekend di lavoro!
    Sara C.

    ps ricordati le dispense... :p

    RispondiElimina
  3. Lu vedrai che con un pò di pazienza troverai anche tu i pensili da sistemare. Prova a guardare anche su Ebay e nei mercatini della tua zona. L'unica è perseverare.

    Sara...vedi se abitassimo vicine? :)
    Bacino tesoro

    Sarah

    RispondiElimina
  4. Bello bellissimoooooo a me servirebbe un mobile da mettere in cucina per contenere tutti i bicchieri ecc che ho in un mobile (brutto) che tengo in sala... il tuo è TROPPO bello!
    Bravissima come sempre
    ETta

    RispondiElimina
  5. così mi piace molto di più, è un po' vecchieto, ma tu l'hai fatto tornare giovane... chissà come ne sarà contento!

    RispondiElimina
  6. ancor piu bello ora! ciaooo

    RispondiElimina
  7. ciao! Ne ho trovato uno simile abbandonato in una stalla, l'ho fatto sistemare ma non l'ho ripitturato, ti farò vedere la fotografia, lo uso per tenere le tazzine del caffè e del tè;-) complimenti il tuo è venuto benissimo
    Anna:-)

    RispondiElimina
  8. Bellissimo davvero, ne ho recuperato uno simile e l'ho sistemato su una credenza bassa non sembrano nemmeno due mobili spaiati.
    Anna

    RispondiElimina
  9. Lo trovo stupendo. Le tendine ci stanno da dio.
    Deborah

    RispondiElimina

Flickr Images