Restyling di una cucina Ikea

Oggi sono molto felice perché finalmente posso mostrarvi le foto della mia cucina. Sono passati a...


Oggi sono molto felice perché finalmente posso mostrarvi le foto della mia cucina. Sono passati alcuni mesi da quando abbiamo traslocato nella nuova casetta, ma vuoi per una cosa, vuoi per un'altra, non abbiamo mai avuto modo di finire la cucina. Nel senso che nel Settembre scorso acquistammo da Ikea solamente la struttura, con l'idea di realizzare in seguito le antine. Di acqua ne è passata sotto i ponti e di idee ne ho avute fin troppe, alcune realizzabili altre meno. Inizialmente pensavo di rivolgermi ad un falegname per acquistare il legno necessario alla costruzione delle ante, ma sono stata sempre frenata dai cardini che Ikea fornisce in dotazione con la struttura di ogni elemento. Per realizzare della ante in legno, avrei dovuto forare la stessa anta, con due fori asimmetrici e circolari di diametro uguale, su cui avrei dovuto montare solo quel tipo di cardine. Un vero problema per chi non ha gli attrezzi giusti. 

Pensa e ripensa, pensa e ripensa alla fine ho avuto l'illuminazione. Il problema principale (anche se problema proprio non si tratta), era che mi sarebbe piaciuto personalizzare le ante in modo da realizzare una cucina unica nel suo genere. Non che le antine Ikea non mi piacessero, anzi, ma in questo modo non sarebbe stata una cucina molto originale. Quindi cosa ho fatto? Sono tornata da Ikea armata di ottimismo e ho comprato delle ante lisce, senza nessun decoro, senza nessun bordino. Tanto per capirci ho acquistato il modello più economico sul mercato, le Harlig...e ho pure risparmiato. Subito dopo in una falegnameria all'ingrosso ho acquistato due bordini di diverse misure e disegno. Il primo in MDF (un pannello composto essenzialmente da tante fibre di legno che vengono dapprima essiccate e successivamente incollata tra loro con speciali resine, per essere infine pressate fino ad ottenete un materiale pesante e resistente perfino all'umidità), il secondo bordino interamente in legno grezzo. 

Perché ho preferito dei bordini in mdf, piuttosto che dei bordini in legno? Solamente perché questa falegnameria non era fornita di un bordo in legno dell'altezza giusta ed ero con le mani legate, nel senso che il bordino in legno (quello più piccino e più decorativo tanto per intenderci) comandava l'altezza della seconda cornice, quella che avrei montato all'esterno di ogni anta. Guardando le foto potrete capire nel dettaglio cosa intendo. Assieme al marito di mia madre, Santo Silvano, abbiamo tagliato su misura le cornici. Per farlo abbiamo utilizzato una troncatrice, in modo da riuscire a tagliare a 45° i bordini. Con l'aiuto di colla vinilica e chiodini senza testa (spilli), abbiamo montato i bordini. Vi consiglio di tagliare e montare prima tutti i bordini esterni. Successivamente monterete quelli interni. 


State attenti perché gli spilli (i chiodi piccolo senza testa) essendo molto sottili, sono anche molto delicati e se non martellati perfettamente perpendicolari all'anta, si rompono. Il problema - a parte la perdita di tempo e lo spreco di tanti chiodini - è che con il martello potreste andare a "sbattere" involontariamente sulla cornice in mdf o in legno, rischiando di ammaccarla. Per cui, fate attenzione a questo passaggio. Una volta asciugata la colla, ho stuccato la congiunzione negli angoli delle cornici (ma se siete precisi durante il taglio potreste anche saltare questo passaggio). Ho carteggiato con della carta a vetro medio-fine (di grana 120) la parte interna dell'anta e con della carta a vetro appena più grossa, le zone stuccate. Ho spolverato la polvere sottilissima che si è creata e ho passato una mano di aggrappante nella parte interna dell'anta, quella di colore bianco insomma.

Di aggrappanti ne esistono di molti tipi in commercio. C'è quello per metallo, quello per vetro e c'è anche quello universale. Io compro sempre quello universale così mi tolgo da ogni dubbio. L'aggrappante non è altro che un liquido bianco/trasparente che ha la capacità di fissare il colore che andremo a dare in seguito. Si stende sulle superfici lisce e non porose. Una volta asciutto il tutto, ho steso due mani di smalto. Apro una piccola parentesi sullo smalto. Anche in questo caso come per l'aggrappante, esistono molti tipi di smalto in commercio: lucido, satinato e opaco. Non è detto però che se voi acquistate uno smalto opaco, questo non risulti appena lucido. Purtroppo accade anche questo ed io ho dovuto acquistare molti smalti di marche diverse prima di trovare quello che per me risulta essere il miglior smalto in commercio: polveroso e super opaco. Era proprio quello che cercavo da tanto tempo.


Ed ecco che la cucina piano piano ha cominciato a prendere forma. Ho voluto aggiungere una cornice sopra la colonna del frigo perché esteticamente la trovo una cosa più rifinita e nel momento in cui ho pitturato le ante della cucina, ho "ripitturato" anche le due mensole posizionate sopra al top della cucina. Inizialmente le avevo pitturate con uno di quegli smalti che dicono essere opaco, invece risultava un pò lucido. Ora è tutto perfettamente in armonia! La cosa più stancante è stato pitturare il porta bottiglie di Ikea...un incubo. La parte migliore invece? Montare i pomelli che mi avevano lasciato anni fa i miei bisnonni. Ne ho una scatola piena e non è stato facile scegliere. Erano tutti talmente belli. Peccato solo per il pomello grande in vetro che avevo deciso di mettere nella porta del frigo: una sera, si è aperto in due, cadendo a terra e rompendosi in mille pezzi. D'altronde le cose vecchie a volta sono molto fragili. 

La cucina non è ancora finita. Cosa manca? Dobbiamo ancora spostare la lavatrice nella zona lavanderia e quindi il vecchio tavolo  che ora è a fianco (regalo di zio) che vedete in foto qui sotto. Al loro posto, Gigi ed io realizzeremo un bancone in legno. Tanto ormai le ossa ce le siamo fatte con il tavolo che abbiamo sistemato in soggiorno. Questo è il restyling di una cucina Ikea, questa è la mia cucina. Con un pò di fantasia, manualità e un tocco magico (in questo sono stati fondamentali i vecchi pomelli di famiglia uno diverso dall'altro), si riesce a trasformare qualcosa di ordinario in straordinario. Vi piace? :)


Photo by Shabby Chic Interiors. Don't copy or use whitout permission

Ti potrebbero anche interessare:

59 commenti

  1. Dire che è splendida è riduttivo. Sei il mio mito.

    RispondiElimina
  2. Che te lo dico a fare... Ogni parola e' sprecata
    Difronte a tanta bellezza!!
    Oltre ogni mia aspettativa.. Chic,shabby,raffinata.. :)
    Complimenti Sarah,un abbraccio
    Gilda

    RispondiElimina
  3. Lo sai vero che non ho letto una parola ??? Hihi
    Ben fatto ;)

    RispondiElimina
  4. bella bella bella.....complimenti

    RispondiElimina
  5. Proprio bella bella! Da rivista di arredamento. Un bacio Eli

    RispondiElimina
  6. Sarah complimenti!
    E' bellissima. Ogni volta esce la tua esplosione di fantasia e bravura nel fare ma sopratutto trasformare le cose.

    RispondiElimina
  7. stupenda!!! mi piacciono le cucine di ikea ma la tua resa così personale è spettacolare!!!

    by paLLina
    www.amichescrappose.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. Ma che bella! Complimenti per l'idea originale ma soprattutto per la pazienza... un gran bel lavoro!
    Brava! ^_^

    RispondiElimina
  9. No vabbè, che te lo dico a fare? E' bellissima, hai delle mani d'oro e una creatività ... shabby chic. Bellissimi anche l'armadio e il tavolino, la scritta EAT rossa poi sta proprio bene.
    Silvana

    RispondiElimina
  10. complimenti come al solito hai superato ogni aspettativa ..brava..e poi sai che soddisfazione...
    ps. l'armadio splendido che hai in cucina con che colori l'hai dipinto? grazie katia

    RispondiElimina
  11. Molto bella complimenti...poi gli accessori adorabili. Un vero problema i bordini ..ti capisco..è difficile realizzare le cose perchè sono "loro" che dettano legge e non se ne trovano tanti ...Brava!

    RispondiElimina
  12. Basta davvero "poco" per personalizzare un prodotto: un paio di mani sapienti, tecnica e curiosità e TANTA VOLONTA'!
    Grazie Sara per la tua semplice genialità!
    Buona settimana,
    MUg

    RispondiElimina
  13. Ciao Sara
    complimenti, hai fatto davvero un ottimo lavoro! Perchè non invii le foto della tua cucina a www.ikeahakers.net ? E' un sito davvero carino in cui pubblicano tutti gli "hackeraggi" ai prodotti Ikea!
    Un abbraccio
    Stefania

    RispondiElimina
  14. Finalmente! E pensare che stanotte ti ho sognata, questo post sarà stata telepatia?.... cucina stupenda!! io sono sempre in attesa di altro... sono sempre in cerca di ispirazioni

    RispondiElimina
  15. Strepitosa! Sei davvero troppo troppo super!
    posso chiederti che colore e' quello del muro che si vede nella penultima foto? Sono alla ricerca del colore "giusto" da cui partire per un restyling della mia cucina/sala!!!!!
    baciotti
    Manu

    RispondiElimina
  16. Mammaaaaaaaaaaaa... Sarah è stupendaaaa... hai fatto un lavoro meraviglioso con quelle ante! Ora finalmente te la puoi rimirare e rimirare e rimirare... :-)
    Bravissima!
    Un bacione
    Etta

    RispondiElimina
  17. e no vabbeh,tu sei un'artista punto, non c'è altro da dire! Ma solo tu potevi pensare di farti gli sportelli e ottenere un risultato del genere, sono senza parole, complimenti è bellissima e la maniglia del cassetto verso il forno mi piace da matti. Sei davvero bravissima.

    RispondiElimina
  18. Molto originale l'idea di montare pomelli tutti diversi tra loro. Questo dettaglio rende la tua cucina veramente unica!

    RispondiElimina
  19. Questa e' esattamente l'idea che ho io di una cucina vissuta ed accogliente. Brava Sarah!
    Vale

    RispondiElimina
  20. Ma é semplicemente meravigliosa Sarah..mi piace da morire! Il tocco finale dei pomelli tutti diversi è veramente chic!!!
    Per quanto riguarda il problema degli smalti opachi/non opachi, ne so qualcosa.
    Adesso goditi la tua cucina.Te la meriti!

    RispondiElimina
  21. Mi spiace essere ripetitiva ma quando una cosa vale , vale! Bravissima! Mi piace il tuo restyling!! Sembra una cucina nata già così, e mi piacciono moltissimo i dettagli..i pomelli per esempio!Ho letto fino all'ultima parola, è sempre interessante capire passo passo il lavoro che c'è dietro!
    Baci
    Stefy

    RispondiElimina
  22. è incantevole, complimenti

    Stefania

    RispondiElimina
  23. Che dire... Semplicemente unica!!! Il tuo blog è tutti i giorni una scoperta, non c'è un post che sia uno banale o monotono, sei una forza! La cucina è bellissima ma la cosa che mi ha affascinato di più sono i pomelli e l'idea che ti siano stati tramandati dai bisnonni rende il tutto davvero speciale! Per l'ennesima volta ti ringrazio x aver voluto condividere con noi i tuoi lavori le tue soddisfazioni e la tua vita quotidiana ricordandoci che anche tu sei umana e non fantascienza ;-)

    RispondiElimina
  24. Complimenti ...veramente un gran bel lavoro e un'atmosfera molto ricercata!
    Brava!
    Paola

    RispondiElimina
  25. Ora vado a leggere... :)
    ...cmq non avevo dubbi del risultato.
    a presto
    Sara C.

    RispondiElimina
  26. Quanto invidio la tua capacità di far sembrare un lavoro immane così semplice! Stupenda!!! Un abbraccio Chiara

    RispondiElimina
  27. certo che mi piace e di sicuro prenderò qualche spunto quando metterò mano alla mia!!! so che è un lavoro immane ma è da un pò che ci penso...ora mi sto perdendo nella cartella colori della F&B, vedo qualcosa che mi piace tantissimo e mi sembra di aver deciso...e poi vedo altro che mi piace tantissimo...un disastro!
    baci
    Silva

    RispondiElimina
  28. che bella....wow!!!!!! Compliementi....

    un saluto
    Rouge & Violet

    RispondiElimina
  29. Davvero un lavoro stupendo!
    Anche io ho spesso il problema degli smalti opachi che poi sono lucidi...ma alla fine quale è il migliore secondo te?

    RispondiElimina
  30. bellissima! che pazienza però ne è valsa la pena. sei davvero brava, una maga del mobile ;)
    ciao

    RispondiElimina
  31. HAI AVUTO LA STESSA IDEA CHE PERCUOTE ME DA UN PO DI MESI SU UN MOBILE ANTA UNICO SUPERSTITO DELLA VECCHIA CUCINA DOVE L'ANTA E LISCIA MENTRE LA NUOVA HA LE ANTE IKEA CON CORNICE COME LA TUA ESATTAMENTE UGUALE! MI FA PAURA LA STORIA DEI CHIODINO IO NON HO TANTA PAZIENZA COME LA TUA..GIA MI VEDO CHE CESTINO I CHIODINI E PENSO ALLA ALTERNATIVA! UNA COSA PUOI DIRE IL NOME DELLO SMALTO CHE FINALMENTE HAI TROVATO?..SE AVRO BISOGNO DI AIUTO ALLE PRESE CON LA RESTYLING DELL'ANTA TI CHIEDO AIUTO! CIAO..E SI ORGOGLIOSA BELLISSIMO LAVORO BELLA LA CUCINA E I POMELLI!!

    RispondiElimina
  32. Non so se te lo hanno già detto e se ti interessa.... C'è un sito di ikea dove pubblicano i migliori progetti di restyling dei loro mobili...potresti partecipare.... È molto bella la cucina!
    http://www.ikeahackers.net/

    RispondiElimina
  33. noooooooooooo non è possibileeeee....tu...tu...sei magica!!!... e la cucina...bella bella bella e, soprattutto, TUA...besoss Lory Torino

    RispondiElimina
  34. Ho guardato e riguardato tutte le foto...letto poco ma guardato tantissimo!
    Brava brava brava!!!

    RispondiElimina
  35. Complimenti, un bellissimo lavoro! Le maniglie antiche, poi, sono una meraviglia, soprattutto pensando alla loro storia. Una curiosità: in che materiale è il piano di lavoro?

    RispondiElimina
  36. Ciao cara, è da quasi un annetto che ti seguo, ma non ho mai lasciato alcun commento prima nel tuo blog. Devo ammettere che la tua cucina mi piace molto, ha personalità, ha un che di vissuto e di freschezza che gradisco molto! Anche a me piacciono molto le cucine Ikea e anche nella cucina di casa mia dovremmo fare alcuni lavoretti...magari, se trovo il modo di allegarti una foto, più avanti (mooolto più avanti), te la farò vedere, così mi dici che ne pensi, se ti va!
    Ah, da quando ho scoperto lo stile Shabby Chic, non passa giorno in cui non immagini come arrederei la mia casa, se ne avessi una tutta mia! Spero tanto si realizzi questo mio desiderio, un giorno!
    A presto, baci
    Je

    RispondiElimina
  37. Bravissima davvero...risultato meraviglioso!!! E poi che pazienza...mammamia!!!!!!!!!
    Posso chiederti una cosa? Di che marca è lo smalto polveroso ed opaco di cui parli?

    Grazie di cuore...
    Natalia

    RispondiElimina
  38. Proprio bella! Ho notato che non hai messo la cappa sopra i fornelli, non hai paura di sporcare le mensole bianche sopra? E poi mi piace molto anche il tuo piano di lavoro...puoi dirmi di che materiale è fatta?
    Ancora complimenti!
    Claudia

    RispondiElimina
  39. ...non ci sono molte altre parole che non ti abbiano già detto....
    STUPENDA...che altro aggiungere??

    RispondiElimina
  40. Semplicemente meravigliosa!!!! Che bel lavoro! Non ci sono commenti in grado di descrivere la bellezza della cucina che hai realizzato: sto guardando e riguardando le foto a bocca aperta!!!
    p.s.:la scritta rossa è azzeccatissima!

    RispondiElimina
  41. è bellissimaaaaa!!!complimenti davvero per il lavorone...da rivista!
    V.

    RispondiElimina
  42. Sarah, che dire, hai le manine d'oro e il restyling e' qualcosa di unico. E' una cucina piena di personalità e di amore, perché fidati, il lavoro fatto col cuore e passione si vede eccome! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  43. Ciao,veramente perfetta!!Unica e originale!!Sei proprio in gamba perchè oltre al buon gusto,hai anche una manualità d'oro...bravissima!
    lorenza

    RispondiElimina
  44. Ben fatto! Ti auguro una bella copertina in Casa Chic, te lo meriti!

    RispondiElimina
  45. Talmente originale e fuori dall'ordinario che è uguale identica al modello di cucina ikea con ante RAMSJO/FAKTUM BIANCO!! non vedo perchè sprecare tempo e soldi se alla fine il risultato è diverso per questione di millimetri... per fortuna non tutti i gusti sono alla menta....

    RispondiElimina
  46. Sarah hai fatto un ottimo lavoro!! Bellissima.. un sogno!Ma da te non mi aspettavo niente di diverso! ;)
    Annalisa

    RispondiElimina
  47. Sarah non perdere tempo a rispondere al unica persona anonima come al solito, tra tutti gli altri commenti positivi che hai avuto. C'è gente che si dedica a vedere il bicchiere mezzo vuoto della vita e vanno proprio a toccare le persone che hanno la capacità di fare quello che si propongono perché sono CAPACI, , significa che uno può arrivare dove vuole, e godersi quando si arriva il frutto del lavoro. Complimenti per la tua cucina é molto bella, io sto provando la chalk paint per i mobili che sto pitturando. Ha grande potenzialità! Un beso

    RispondiElimina
  48. CIao! Che bella, io trovo la tua cucina molto originale e ... non vedo l'ora di vedere il bancone!! Sono molto curiosa ... Anche il tavolo che avete fatto è bellissimo... Hai realizzato veramente una splendida cucina! Ma tutta la casa è bellissima...brava!Ps: non sembra assolutamente una cucina Ikea...Emma ;-)

    RispondiElimina
  49. Cara Sarah non ho letto niente( scusami) ma devo solo farti i complimenti sei stata bravissima adoro la tua cucina!!!

    RispondiElimina
  50. Bellaaa...ma puoi segnalarmi la marca dello smalto super opaco che hai usato....anch'io li trovo sempre tutti molto lucidi

    RispondiElimina
  51. Complimenti, sei davvero molto molto brava! e mi riferisco a tutti i tuoi lavori... sei nella mia barra dei preferiti.

    RispondiElimina
  52. sisisisisisisisisisisisisisisisisiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    ommammamia... sono arrivata al tuo blog proprio cercando foto di cucine shabby chic da far vedere ad un'amica e collega di lavoro che non capiva cosa intendevo, come genere... ^^
    avete fatto un lavoro STRAORDINARIO!!!!! o.O
    anche io e il mio Compare amiamo il fai-da-te, ma il vostro è un altro pianeta!!!
    Bravi, davvero... non riesco a dire altro... :)
    Ah si! ovvio che da oggi ti seguo... :)

    RispondiElimina
  53. Complimenti! Sei brava e coraggiosa di osare tanto, si vede che hai tanta sicurezza nel tuo lavoro! Ma ci diresti lo smalto che alla fine usi, dopo tanti che ne hai provati, che rimane opaco? Sai che anni fa sono stata al negozio di Los Angeles di Rachel Ashwell a Santa Monica? Lei è cliente ed amica di un mio carissimo amico che ha il ristorante proprio di fronte il suo negozio. Un sogno! E pensa che qui non sapevamo manco cosa fosse lo Sh Ch.....
    Ora fortunatamente anche noi abbiamo la nostra " shabbier": TU!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Patri dei complimenti. Quale smalto ho trovato? Lo sai che è un "segreto segretissimo"? :) Ne parlo solamente ai miei corsi di tecnica shabby! :)

      Elimina
  54. Io mi sono stancata solo a vedere le foto, figuriamoci voi che avete fatto tutto questo lavoro! Ma ne valeva la pena: Una cucina molto luminosa, funzionale e personalizzata.

    RispondiElimina
  55. Ciao, bellissima la cucina.
    Ma per il top che materiale hai utilizzato?

    RispondiElimina

Flickr Images