Un fiore in giardino

E' in arrivo la primavera la sentite l'aria frizzante? Qui ieri mattina si è alzato un ve...


E' in arrivo la primavera la sentite l'aria frizzante? Qui ieri mattina si è alzato un vento freddo e piuttosto che chiamarlo frizzante, lo chiamerei gelido. Comunque sugli alberi hanno cominciato a spuntare alcune gemme, nei campi ci sono tanti narcisi che colorano di giallo il panorama davanti a casa e le violette circondano i grossi tronchi.  Adesso come non mai mi manca un giardino. Pensate che davanti casa ho ancora un cantiere "mezzo aperto": cumuli di pietre in attese di costruire un muro, terra da sbancare, assi di legno da bruciare, qualche attrezzo ancora in giro qua e là e una "bellissima" rete arancione che circonda il tutto. Romantico no? Ed io che sogno il mio giardino. Il mio piccolo giardino. 

Non ho mai avuto il pollice verde, ma la capacità di parlare alle piante quella sì. D'altronde parlo anche ai muri, figuriamoci se non parlo ai fiori! Da quando ci siamo trasferiti qui in campagna (forse non tutti sanno che lo scorso Settembre, abbiamo traslocato in un piccolo paese sulle colline di Genova, a circa venti minuti dal centro), ho una grande voglia di dedicarmi alle piante. Mi immagino già con un grande cappello di paglia a proteggermi dal sole, curare i miei fiori. Nel sogno indosso anche un paio di zoccoli di legno come quelli che portava mia madre ragazza e delle bellissime (anche fighissime sarebbe stato azzeccato) forbici vintage da giardinaggio.


Assieme a Simonetta, progetteremo il mio giardino/terrazzo. Mi piacerebbe utilizzare come pavimentazione la stessa pietra che abbiamo messo in casa a pian terreno, ma tralasciando alcune zone verdi dove saranno posizionate delle piccole aiuole: cespugli di ortensie, rosmarino, salvia e qualche lavanda adorneranno i bordi del giardino. Vado matta per i vecchi vasi in coccio decorati e ricoperti da quella patina bianca meravigliosa. Per accedere alla porta d'ingresso, ci saranno tre gradini in pietra e a fianco di essi mi piacerebbe mettere due grandi vasi contenenti delle rose rampicanti. Mese dopo mese, queste cresceranno fino a raggiungere la piccola tettoia che protegge la porta color verde salvia. Il colore tipico delle case della Provenza. 

Non amo i giardini ricchi di colore. Dal momento che il mio sarà un piccolo giardino, pensavo di scegliere piante verdi e colori chiari come il bianco e il rosa pallido. Al massimo ci potrà essere la lavanda che donerà allegria con quel tocco di viola molto chic e che comunque non sarà mai un viola molto acceso. Devo fare la lista della spesa: zoccoli, guanti, grembiule, spago, forbici (rigorosamente d'antan). Girando su Etsy ho trovato dei kit molto carini. C'è il kit naturale che comprende sapone e crema per mani al miele oppure la crema specifica al limone. C'è l'insostituibile set da giardinaggio che comprende alcuni attrezzi del mestiere, secchio e guanti e questo set che comprende anche un piccolo marsupio da legarsi in vita. Certo che per chi come me ha voglia di shopping, anche l'hobby del giardinaggio ha il suo perché. 


Nei giorni scorsi non ero ancora riuscita a proclamare il vincitore del bellissimo giveaway offerto da Shab, ricordate il post "Industrial style"? Oggi finalmente tutti conosceremo il nome del fortunato che si aggiudicherà una delle tre targhe a scelta, messe in pali da Shab. Purtroppo voglio svelarvi per rispetto, che ho dovuto eliminare qualche commento arrivato in ritardo. Mannaggia, ma prossima volta non dovrete lasciarvelo scappare. Ma bando alle ciance, signore i signori il commento estratto tramite Random.org è il commento di Federica che neanche a farlo apposta scrive: "Anche io partecipo! Non vinco mai niente ma mi piace lo stesso ;) Ciao ciaoooo"! Hai visto cara Federica che hai vinto? Ora non potrai più dire che non vinci mai nulla! Manda una mail ad Elisabetta info@shab.it scrivendole che sei la vincitrice del giveaway sul mio blog...e ricordarti di scegliere la tua targa industrial style preferita! 


P.S. Non perdetevi il post di lunedì. Vi mostrerò finalmente la mia camera da letto!


Ti potrebbero anche interessare:

7 commenti

  1. Affidantoti a Simonetta vai sul sicuro, un po di pazienza e avrai un paradiso!

    RispondiElimina
  2. Oh si Sarah! Come ti capisco! Anch'io da quando vivo un pò più defilata dalla città e nel verde sento una specie di richiamo alla natura! NOn ho molta terra ma spero di fare qualche piccola modifica esterna per aggiungere del verde dove non c'è e continuare a far crescere le piantine dove già ci sono! Mi piace la selezione da giardinaggio che proponi! La primavera è nell'aria e non vedo l'ora passate le piogge di mettere decisamente a posto!
    Buon lavoro cmq!^_^
    Stefy

    RispondiElimina
  3. Buon lavoro Sarah..
    Con Simonetta al tuo fianco farete faville..
    ps: i guanti non li uso quasi mai..

    RispondiElimina
  4. Ma ho vinto io???
    Io? Me?
    Dovevi vedere la mia faccia...
    Stavo leggendo tranquillamente il tuo post quando ho strabuzzato gli occhi... Tipo pesce!
    Ma grazieeeee cara Sarah!!
    E grazie ed Elisabetta.
    Sono felicissima.
    Ora sarà un duro lavoro scegliere la targa più bella... ma ce la farò!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. sarà un giardino bellissimo... Shabby chic quanto basta! ho già tutto in mente!
    iniziamo?
    ciao tesoro
    s

    RispondiElimina
  6. Ah, Sarah, quanto ti capisco! Anche io non ho un gran talento con le piante, ma mi immagino sempre in giardino, con la fronte corrucciata per il sole accecante, un bel paio di stivali di gomma, guanti da giardimaggio chice un paio di forbici d'epoca!! Peccato che poi quando mi sveglio mi trovo con la tuta impiastricciata, i capelli racciucciati in una sorta di coda tutta storta e un paio di vecchie e brutte scarpe da ginnastica! Che figura!! ;D

    RispondiElimina
  7. Adoro i tuoi post.

    Elisa,
    foodblogger on
    www.deliziandovi.it

    RispondiElimina

Flickr Images