Primo giorno di scuola

E' arrivato il tanto atteso primo giorno di scuola! Questa mattina intraprenderemo un n...


E' arrivato il tanto atteso primo giorno di scuola!

Questa mattina intraprenderemo un nuovo viaggio. Sarà un viaggio molto lungo, pieno di piacevole sorprese ma anche di momenti difficili. Molti pensieri mi si accavallano in testa. Mi aspetto una grande collaborazione dalla scuola e dalle maestre. Per i nostri figli la scuola è una seconda famiglia, ormai è diventata la seconda casa dei nostri cuccioli, "timbrano il cartellino" alle 8.00 di mattina ed escono stravolti intorno alle 16.00. Da lunedì al venerdì. Per questo mi aspetto serietà e competenza dagli insegnanti ma anche sensibilità nell'accettare ogni singolo bambino con le sue diversità ed il proprio carattere. Nasceranno tante amicizie, magari qualcuna resisterà agli anni futuri e fra trent'anni, Beatrice e la sua amica si ricorderanno ridendo insieme, del loro primo giorno di scuola. Me lo auguro davvero con tutto il cuore. Ma non sarà una passeggiata.


Proprio in questi giorni, sono venuta a conoscenza di una scrupolosa indagine effettuata da Altroconsumo: in alcune mense scolastiche di Genova, sono state ritrovate tracce di pesticidi nel pane ed un tipo di funghicida nella frutta. Le società esterne responsabili che servono i pasti  (quasi trentamila, di cui oltre la metà nelle scuole primarie) sono la COMPASS e la CIR. Mi verrebbe voglia di prendere a sberle un sacco di persone. Innanzitutto chi sta dietro a queste società e non si preoccupa se il cereale che compra per produrre il pane è stato trattato con un insetticida (il Diclorvos, un pesticida completamente vietato in tutta l'Unione Europea). Poi il comune e chi "dovrebbe" avere l'incarico di controllare questo genere di cose. Ma dico io siamo impazziti? Diamo ai nostri figli veleno da mangiare? 


In qualità di genitore, mi sento in diritto di preoccuparmi e di esigere delle conferme su controlli effettuati e vedere con i miei occhi i risultati di eventuali test di verifica. Diventerò il peggiore incubo di qualsiasi persona mi si piazzi davanti se non otterrò delle risposte. Purtroppo (o meno male), non ho la conoscenza di sapere come comportami in questi determinati casi, quindi mi muoverò in diverse direzioni. Parlerò con la scuola, con Altroconsumo, con il comune di Genova e speriamo non ce ne sia bisogno, se non riuscirò a cavarne un ragno dal buco, farò appello ai Nas. Qualcuno può consigliarmi come muovermi? Io NON VOGLIO che la scuola avveleni i miei figli!


Avrei voluto raccontarvi del mio primo giorno di scuola, delle treccine che avevo in testa e della mia prima cartella, quella di Pucci. Purtroppo il mondo non va come sempre vorrei e spesso si deve fare i conti con una cosa più grande di noi. Oggi è il mio turno, domani magari toccherà ad uno di voi. Mi collego ad un bellissimo post che Francesca, ha pubblicato qualche giorno fa, in cui per farvela molto breve (ma consiglio a tutti di leggerlo), ha esposto il proprio pensiero riguardo alla vita, alla realtà della vita, non tutta rose e fiori tanto per intenderci. Su tanti è blog è vero che si vedono case splendide, mai in disordine, famiglie sorridenti e figli felici, ma ognuno di noi sa che la famiglia del mulino bianco, esiste solo in pubblicità. Io lo so. Ve lo dimostro spesso parlando di quello che mi accade quotidianamente, notizie belle e brutte che siano. Però rispetto anche chi per carattere non ha la filosofia (o semplicemente la voglia) di sbandierare ai quattro venti fatti personali o non.

Seguendo Shabby Chic Interiors, vi accorgerete (ma in molti di voi già lo sapranno), che qui si respira il quotidiano. Si respira il profumo delle torte fatte in casa, della frutta che cuoce pronta per essere invasata. Ma si respira anche tristezza, perplessità, rabbia. Oggi ad esempio sono molto felice per Beatrice. Per il suo viaggio personale che la farà crescere e la farà diventare una donna, una grande donna. Ma nello stesso tempo sono arrabbiata e preoccupata per i fatti da poco scoperti. Cosa posso dirvi altro? Chi vivrà vedrà!


Ti potrebbero anche interessare:

25 commenti

  1. ke belle immagini...

    se ti va passa da me c'è un giveaway in corso....

    www.barbienonsposaken.blogspot.com

    ciaooo!

    RispondiElimina
  2. Cresciamo i nostri figli con amore, ascltiamo il loro respiro, la notte, scrutiamo i loro sorrisi, le loro lacrime, di giorno. Cogliamo i migliori frutti per loro, sminuzziamo i migliori bocconcini. Li copriamo che le più morbide lenzuola le più calde coperte. E poi arriva il momento di lasciar andare le loro manine e mandarli nel mondo. E il mondo sarà buono con loro, li amerà come li amiamo? Il mio cuore trema al solo pensiero. E l'unica cosa da fare è tentare, tentare di non allontanarsi troppo da quelle manine ed evitare i pericoli più grandi. Buona fortuna Sarah, per la tua battaglia e per il nuovo percorso di Beatrice.

    RispondiElimina
  3. Tanti auguri a Bea e anche a te.
    Mia cugina è nel consiglio della sua scuola, una scuoletta di Crevari, piccola e per questo ancora "umana". Immagino che anche la tua sia così. Lei, un paio di anni fa , era riuscita ad ottenere che ai bimbi non fosse servita frutta di freezer ossia che arrivava spappolata ed immangibile in classe. Sembra poca cosa ma ha ridotto sensibilmente gli sprechi e ha fatto s che i bimbi mangiassero la frutta.
    Da parte mia ho sempre portato M a casa a pranzo , per quanto fosse una faticaccia, ma non potevo pensarlo costretto a mangiare precucinati riscaldati. E' stata l'unica occasione in cui lavorare in un negozio si è rivelato utile, per avere 2 re libere a pranzo.
    Un abbraccio alla picclina, Rosanna

    RispondiElimina
  4. Innanzitutto vi faccio i miei auguri per questa nuova esperienza che state per iniziare,all'inizio sarà un po' dura, ma pian piano le cose miglioreranno e la tua piccola sarà entusiasta. Purtroppo per quanto riguarda il cibo nelle mense scolastiche non ho idea a chi tu possa rivorgerti, ma sicuramente quelli di altroconsumo sapranno sicuramente indicarti la strada giusta. Leggendo il tuo post mi sembra di essere tornata indietro nel tempo a quando conducevo delle vere e proprie battaglie per avere le porte anti panico e le scale antincendio nella scuola dei miei ragazzi...ero diventata l'incubo del direttore.Rigurdo al tuo blog, devo ammettere che all'inizio lo seguivo per gli splendidi arredamenti che ci proponevi, ma ad essere sincera lo preferisco adesso...lo trovo vero ed è sempre un piacere leggerti.un grosso abbraccio Gilda
    PS
    Qualche giorno fa ti ho lasciato un messaggio su FB, appena lo leggi potresti farmi avere notizie sai avrei una certa premura. baciotti

    RispondiElimina
  5. Intanto tantissimi auguri a Beatrice per l'inizio di questa nuova avventura, importantissima per lei e per la sua formazione.
    Per quanto riguarda il problema mensa, dal momento che lavoro nella scuola, posso dirti che è un problema che riguarda tutta l'Italia. I comuni e le società appaltatrici tendono sempre a risparmiare il più possibile, a discapito della qualità del cibo. Io l'ho fatto presente sempre ai genitori (io stessa cerco di mangiare il meno possibile quel cibo), ma tante volte ho trovato davanti a me un muro di gomma, della serie "Io cerco sempre di venire a prendere mio figlio prima di pranzo". Le cose non si risolvono così! Organizzate un comitato di genitori, firmate una petizione, contattate dei giornalisti bravi e fatevi sentire nei "piani alti"...è faticoso, ci vuole tempo e impegno, ma qualcosa ne verrà sicuramente fuori!
    Un abbraccio,
    Grazia

    RispondiElimina
  6. Auguri per l'inizio di questa nuova avventura!
    La mensa scolastica è un problema che ci portiamo dietro da nord a sud.
    Nel nostro comune un gruppo di genitori ha chiesto al sindaco di adoperarsi per far partire la mensa biologica. E' difficile ottenerla ma ci stiamo lavorando. E' impensabile che i bambini piccoli debbano mangiare veleni!
    buona giornata
    nunzia

    RispondiElimina
  7. Che emozione deve essere stata?
    Io mi ricordo il mio primo giorno di scuola ma purtroppo non ho amiche di quegli anni, ci siamo perse nel tempo ma la fortuna mi ha fatto incontrare delle persone meravigliose in questi anni
    la bea era emozionata?
    ti è scesa una lacrima?oggi ho la piangina e mi emoziono molto anche per cose non mie
    e ho visto la bea con la cartella e mi ha commossa.

    Ho amato il post di Francesca, ma lo sai già te ne avevo parlato al telefono.
    Credo sia molto facile nascondersi dietro ad una casa perfetta, mai un capello fuori posto, mai una parola fuori luogo

    io ho coniato la descrizione che più mi si addice "stropicciata"
    anche se Irene dice che sono sempre chic, l'animo rimane stropicciato
    non cerco la perfezion
    non è mia
    non fa parte del mio animo

    e cerco di metterlo nel mio blog...
    sto divagando...

    RispondiElimina
  8. Sarah, innanzitutto auguri a Bea, chissà come sarà stata emozionata.

    Per quel che riguarda la mensa ti posso dire cosa avevamo fatto noi genitori all'inizio della prima elementare. Abbiamo creato un gruppo di mamme (chi lavorava mezza giornata e chi invece era a casa tutto il giorno) che quotidianamente una al giorno andava in mensa (ci vuole l'approvazione del dirigente scolastico) mezzora prima che si servisse il pranzo a controllare la qualità del cibo. Ovvio che non ci saremmo accorti del veleno presente nel grano utlizzato per fare il pane... però è un deterrente per chi gestisce le mense a "fare il furbo". Ogni giorno compilavamo un verbale che andava spedito alla Cir (anche noi la cir!) e se qualcosa era fuori dagli standard avvisavamo subito il responsabile Cir e il preside!

    Prova a chiedere, alle riunioni della classe di Bea, se c'è un comitato genitori nella scuola e chiedi al loro responsabile come potreste intervenire...!!!!

    Un abbraccio
    Rita
    Ri BENNY

    RispondiElimina
  9. la cosa peggiore è che noi curiamo, amiamo, proteggiamo i nostri cari a costo di grandi sacrifici. Cerchiamo la loro felicità e il loro benessere dimenticandoci del nostro tanto gli vogliamo bene.. poi invece altre persone il cui unico pensiero è fare soldi senza scrupoli ce li danneggia con in modi che noi nemmeno percepiamo, pericoli invisibili e per questo ancora più insidiosi.
    Che schifo! E io mi chiedo dov'è la giustizia?!
    Comunque ... tanti giorni felici alla tua piccolina, la prima per me è una classe magica!
    Baci

    RispondiElimina
  10. ciao sara, so cosa stai provando perchè stamattina ho lasciato la mia piccola seienne alla sua nuova classe, ai suoi nuovi compagni di viaggio e alle insegnanti. Per il discorso mensa, noi genitori rappresentanti facciamo parte di una commmissione mensa che insieme ai membri del Comune in cui viviamo vigiliamo sulla qualità del cibo. Chiedi alla tua scuola se esiste questo tipo di partecipazione. Sicuramente c'è più controllo e meno possibilità di fare queste azioni deplorevoli.
    Un abbraccio e in bocca al lupo anche per la tua cucciola!
    Donatella

    RispondiElimina
  11. Ciao cara, un in bocca al lupo alla cara Bea, che emozione cara, la Vale il primo giorno una lacrimuccia è scesa, anche se andava alla materna prima.

    Per la mensa come ti hanno già detto se è esterna è un grosso problema, il controllo è scarso e pensa che da noi l'hanno cambiata trovandone una ancora più lontano.

    Come ti hanno consigliato il comitato genitori è importante, l'anno scorso da noi hanno persino chiesto volontari per tinteggiare le aule fatiscenti, immagina come può funzionare il resto.

    Ho tanti amici che fanno sacrifici e mandano a scuola privata i figli per avere delle garanzie.

    Che dire mi spiace ma benvenuta nel mondo dei disservizi essenziali.... io trovo vergognoso che le ns. scuole siano in queste condizioni e si trovi a tagliare o risparmiare sulla scuola e sanità.

    Per quanto riguarda la scuola seconda casa te ne parlo poi in altro momento.

    Goditi per adesso la parte bella ed emozionante della giornata.

    Baci Irene

    RispondiElimina
  12. Per la questione della mensa, potresti chiedere al Comune.

    Qui ci sono tutte le informazioni sulla ristorazione scolastica, anche la carta dei servizi, http://biodetersivi.altervista.org/index_file/page0005.htm

    Per avere dei chiarimenti, potresti prendere un appuntamento con Paolo Veardo che è l'Assessore che si occupa di servizi educativi

    http://www2.comune.genova.it/portal/page/categoryItem?contentId=478277

    Per quanto ne so è una persona disponibile, quindi provare non nuoce. Sempre meglio però che siate in più genitori con gli stessi dubbi. Tienici poi informati su come va!

    RispondiElimina
  13. Il sapore dei primi giorni di scuola... la mela rossa per merenda, il vestitino nuovo. Queste immagini riescono davvero a trasmettere sensazioni lontane.

    Monday Talk Girl
    www.themondaytalk.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. Ciao, io abito in provincia di Genova e la nostra scuola è servita dalla CIR. Non ero a conoscenza di questi fatti, anche se sapevo che la qualità del cibo non era delle migliori. Ne parlerò con il sindaco, perché faccia le dovute verifiche. Io, come la maggior parte delle mamme, sono molto attenta a quello che mangiano i miei figli e loro stessi stanno sviluppando una certa consapevolezza dell'importanza di mangiare cibi sani e, possibilmente, biologici. Non può essere proprio la scuola a vanificare tutti questi sforzi.

    RispondiElimina
  15. Cara Sara,
    Grazie dela tua sincerità. Ti capisco molto bene perchè ho 3 figli a scuola, 2 di loro iniziando un nuovo ciclo (la scuola secundaria l'uno e la scuola dell'infanzia l'altra).
    E come immigrante mi fa piacere sentire dire (leggere) gente che come te si prende un attimo a dire com'è la vita veramente: una corsa piena di ostacoli che, dipende di come le prendiamo, ci aiutano a crescere o no.
    Un abbraccio...

    RispondiElimina
  16. ciao sarah, mi dispiace per quello che hai scoperto, certo e' preoccupante il fatto, non si puo' mai essere tranquilli su niente, dobbiamo sempre tenere le antenne alzate, questo primo giorno di scuola rimarra' sempre un bel ricordo cque, sono tappe della vita, personali, di riflesso che difficilmente si mettono nel dimenticatoio, in bocca al lupo per tutto baci rosa.)

    RispondiElimina
  17. Per muoversi sul fronte della qualita alimentare, i riferimenti legislativi sono :

    Direttiva 93/43/CEE : Sistema HACCP

    Direttiva 2002/99/CE : Polizia Sanitaria

    Regolamento (CE) 852/2004
    Regolamento (CE) 853/2004
    Regolamento (CE) 854/2004Regolamento (CE) 882/2004


    Per tutti gli operatori alimentari, quindi anche le società di ristorazione collettiva,
    il manuale HACCP é obbligatorio, cosi come il piano di autocontrollo.

    Verificare capitolato d'appalto della scuola e contratto di appalto con le societa di catering
    che devono rispettare le leggi in vigore.

    In caso negativo, denuncia alla scuola e denuncia all'ASL da parte di genitori individuali o comitato di genitori.

    In caso di prodotti vietati, avariati, scaduti, denuncia ai NAS.

    RispondiElimina
  18. carissima Sarah,
    come sempre i tuoi post sono spunti di conversazione interessante...in questa occasione, poi, mi sento parte in causa perchè sono un' insegnante della scuola secondaria di primo grado nonchè mamma di due bimbi della scuola primaria....i problemi nella scuola sono tanti e credimi non dipendono certo dai docenti che oggi sono l'ultima ruota del carro, mi chiedo perchè tutte queste domande non ce le poniamo quando votiamo i nostri governanti ed i nostri politici...purtroppo è sbagliato minimizzare dicendo che la politica è lontana e non ci tocca, ci tocca e come, tutto parte da lì perchè le decisioni che prendono quotidianamente influenzano quotidianamente le nostre vite anche se spesso non vogliamo rendercene conto. Per la tua questione, in particolare, dovresti sicuramnete partire col parlare ai genitori del Consiglio di circolo, sono i vostri rappresentanti all'interno della scuola nonchè parte dell'organo di indirizzo, tutto quello che si decide in una scuola parte da lì, credimi, non dai docenti...informati sui loro nomi e chiedi di poter riunire tutti i genitori nei locali della scuola con invito personale per discutere la questione, è un vostro diritto tutelato dalla normativa vigente quella di riunirvi nei locali scolastici per cui non accettare un no come risposta....ultima tappa, il comune, ed ecco la politica, parte tutto da lì, ripeto, da appalti poco trasparenti e voglia di risparmiare, il comune, cmq è l'ente preposto alla manutenzione della scuola ed al servizio mensa....Ricorrere alla scuola privata secondo me, ma è un'opinione personale, è darla vinta a chi non vuole fornire servizi essenziali che sono un nostro diritto, sancito dalla Costituzione, siamo una repubblica da nord a sud, e vogliamo il servizio pubblico...in bocca al lupo...

    RispondiElimina
  19. la mensa...un problema mai risolto, ma bisogna organizzarsi e sorvegliare continuamente. I consigli del commento anonimo riporta la documentazione essenziale, ma parla con i genitori: sono loro la vera leva per cambiare le cose. E poi, continua a parlarne anche qui, sul tuo blog e su FB, perché non sembra, però fa molto rumore e alle aziende appaltatrici NON piace. In bocca al lupo alla tua piccola ;)

    RispondiElimina
  20. Uh...allora il mio post ti ha proprio colpita Sarah..caspita!
    E ho letto anche il commento di Gaia, non può che farmi piacere.

    Per quanto riguarda la questione mensa scolastica...oddio....inizio già a preoccuparmi.... noi che siamo così attenti al biologico,alle cose ben fatte, al made in italy (buono) che ci curiamo con amore le nostre verdure, i nostri alberi da frutto...le nostre galline (eh, bè, sì, poi le mangeremo...poverine!).
    E poi che fanno??? Ma no, assolutamente, non si può transigere su una cosa del genere.BRAVA SARAH, fai un gran casino e cerca di coinvolgere più genitori possibili...
    Io ho iniziato l'inserimento al nido del mio piccolo (e l'ho anche già finito...non me la sentivo...andiamo avanti ancora fino all'anno conq ualche sacrificio e poi si vedrà) e cosa mi sento dire? "allora a metà mattina mangia la frutta? Quanto, un vasetto intero?"" *___* Ma quale vasetto? Gliela frullo io, la frutta fresca!!! Ma scusa...pensa a un vasetto di omogeneizzato di banana: bello giallo per mesi e mesi...com'è che quando gliela frullo io invece in quattro e quattr'otto si ossida e diventa marrone??? Dimmi un po'...cosa ci mettete in quei vasetti??? Mah....
    Io la penso così e sono felicissima di sapere che non sono l'unica "pazza maniaca" (bè, sì, qualcuno mi definisce così)!
    In bocca al lupo Sarah.

    Fra

    p.s. Penso che rivolgersi ad "Altroconsumo" sia un buon inizio per indagare.

    RispondiElimina
  21. p.s. Se il opesticida contenuto del pane è fuori legge qui ci vogliono i Nas, sicuro!

    RispondiElimina
  22. Ciao, sono di nuovo qui. Volevo solo farti sapere che, a proposito della mensa, ho alzato un po' di polverone su FB, cercando di coinvolgere anche le altre mamme, e ho immediatamente scritto al sindaco di Casarza Ligure, il quale mi ha risposto nel giro di 2 ore dicendo che aveva incaricato l'assessore competente di occuparsene, insieme alla vicepreside. Speriamo non sia il solito contentino.

    RispondiElimina
  23. E' vero Sarah, si potrebbe mettere qualcosa che riguarda le mense scolastiche anche su FB!
    Dany

    RispondiElimina
  24. è proprio questa tua disarmante quotidianietà fatta di piccoli gesti e di tante premure che io non ho parole!!!

    RispondiElimina
  25. ciao, io ti seguo da poco (e il tuo blog è meraviglioso)sono di Milano e da qualche tempo qui ci siamo organizzati così: http://www.pappa-mi.it/ perchè c'erano un sacco di problemi con Milano Ristorazione che gestisce TUTTE le mense scolastiche di Milano (Nidi, Materne Elementari). Spero riusciate a fare qualcosa anche voi.In Bocca al Lupo
    Vale

    RispondiElimina

Flickr Images