{ Una madre smemorata }

Qualche bella foto presa dal sito "Cabbages and Roses" vi accompagnerà nella storia che ...


Qualche bella foto presa dal sito "Cabbages and Roses" vi accompagnerà nella storia che vi racconterò oggi. Date un'occhiata al sito, ha da poco aperto una sezione dedicata al vintage.

Questa non è una storia inventata, ma è la storia di una madre smemorata.

Tutto inizia con la nascita della sua seconda bambina: un brutto parto, una ripresa lenta, poca voglia di godere a pieno di quei magici momenti. E poi tante cose da fare, un trasloco a cui pensare, la prima figlia che non sta bene, la nuova casa da comprare, il lavoro. Il quitidiano a volte riesce a seppellire tutte le ore della giornata e i giorni delle settimane e farti dimenticare quello che è il vero senso della vita.

Gli impegni presi e poi rimandati, agli appuntamenti sempre in ritardo. Però si sa, ci sono le scadenze da rispettare, le bollette vanno pagate, il 730 da fare, il vaccino da prenotare...e l'iscrizione dell'asilo nido assolutamente da fare.


In che mese ci sono le iscrizioni per l'asilo nido? Scommetto che un coro di mamme, ha appena dato la risposta giusta. Ebbene, anche questa madre stanca ma con la voglia di ricominciare, prepara i documenti per l'iscrizione: moduli e moduli indecifrabili e la dichiarazione isee da presentare.

Fatto tutto! La bimba è iscritta.

Passano mesi e la mamma è guarita. E' riuscita ad aggrapparsi ai suoi sogni e a volare in alto oltre il buio del vuoto e dell'incertezza. Tante cose sono successe dall'ora: il trasloco è stato fatto, una nuova casa è in ristrutturazione, alcuni sogni si sono avverati e altri stanno ancora aspettando di poter uscire dal cassetto.

Un giorno però questa mamma è convocata d'urgenza, dalla segreteria dell'asilo nido.

Le comunicano che il servizio tariffe non riesce a recapitare la posta, non si conosce la ragione ma la posta viene sempre respinta al mittente. Dopo pochi minuti si viene a scoprire che la segreteria dell'a.n. non ha comunicato il nuovo indirizzo di residenza della madre e delle bimbe. Erroneamente e ingenuamente, la madre pensava che sarebbe stata la segreteria stessa a comunicare al servizio tariffe, il nuovo indirizzo della famiglia.

Invece no. Anche se l'asilo e il servizio ristorazione scolastica dipendono entrambi dal comune, bisogna effettuare due cose distinte e presentare quindi una comunicazione anche a loro. Stessa cosa vale per la dichiarazione isee. Quella presentata alla segreteria dell'asilo nido, vale per l'ammissione ed il punteggio nell'iscrizione e quella presentata al servizio ristorazione, vale per i diversi scaglioni relativi ai diversi pagamenti mensili.

La mamma smemorata non ha mai presentato dichiarzione isee al servizio ristorazione.

Nel vita frenetica e nel marasma di quei giorni ormai lontani, la madre non ci ha pensato neanche un secondo che dovesse presentare nuovamente la dichiarazione isee.

In questi giorni sono arrivati i bollettini arretrati.


Primo bollettino relativo ai mesi di Settembre e Ottobre 2009: circa 800 euro

Secondo bollettino relativo ai mesi di Novembre e Dicembre 2009: circa 900 euro

Terzo bollettino relativo ai mesi di Gennaio e Febbraio 2010: circa 1000 euro

La madre è svenuta...il papà pure!

Così la madre smemorata e adesso anche depressa, si reca direttamente negli uffici del comune spiegando la situazione. Un omino gentile la informa che ormai non si potrà fare più nulla per i bollettini già emessi, ma per quelli futuri (perchè mancano ancora i mesi di Mar-Apr-Mag-Giu-Lug), si può regolarizzare la situazione.

Infine le consiglia di provare a chiedere informazione ai servizi sociali di riferimento e spiegare anche a loro la situazione. Magari potranno azzerare i bollettini già emessi. 

Dove sono gli uffici servizi sociali? Sia l'omino gentile che la segreteria della scuola non sanno rispondere. Forse saranno nel minucipio della zona asilo. La mamma corre.

La madre cerca (sti benedetti) uffici, ma non esiste nenche l'ombra. Prova allo sportello del cittadino e dopo aver spiegato tutta la pappardella, la manda ai servizi ristorazione. La mamma corre.

-"Buongiorno, mi scusi avrei un problema, è successo un errore per una mancata dichiarazione isee dello scorso anno e..."

- "No no, la fermo subito, per la dichiarazione isee, noi non c'entriamo niente, deve andare..."

- "No, mi scusi, la fermo io...le stavo dicendo...!


La madre smemorata parla per 10 minuti con la signora bionda che decide di telefonare al distretto sociale, i quali a loro volta, vogliono parlare con la madre smemorata. Così la madre stanca, spiega l'ennesima volta tutta la storiella dall'inizio. Per farla breve, questa signora le dice che l'omino gentile è un BIP e ha detto una gran cavolata, loro non possono farci niente.

Nel frattempo, la signora bionda, impietosita dalla situazione cerca un aiuto da una collega comunale. Prende nuovamente il telefono e comincia a parlare. Parla, parla, parla ininterrottamente per 5 minuti, poi passa la cornetta alla mamma...eh no eh, porca paletta! Colpo di scena, la madre dopo pochi attimi, scopre che questa signora con cui sta parlando è la vicina di scrivania dell'omino gentile (il BIP di prima). Ha preso atto della situazione, ma c'è un problema: avverte che l'omino gentile ha commesso un errore nella compilazione di alcuni moduli che poche ore prima ha fatto compilare alla madre smemorata e quindi deve ripresentarsi con nuova documentazione. La dichiarazione isee per regolarizzare finalmente i bollettini che verranno emessi in futuro e una lettera di ricorso per cercare di non dover fare vendere un rene alla madre smemorata.

Domani si ricomincia da capo. La strada ormai la so.

Questa volta avete almeno il rosario a portata di mano?

Ti potrebbero anche interessare:

22 commenti

  1. hai tutta la mia comprensione! Io insegno in una scuola dell'Infanzia Statale, ma il servizio mensa è gestito da una ditta che ha l'appalto dal Comune. Se c'è qualcosa che non va alla mensa, non sappiamo mai a chi rivolgersi.... Dato che siamo dipendenti statali, dobbiamo rendere conto all'ufficio segreteria della scuola, ma la mensa è del comune e loro non possono farci niente.. ecc ecc, ti risparmio il resto! Mi complimento però con te per il bellisimo sito!
    ciao dany

    RispondiElimina
  2. Sarah aiuto... mamma mia che avventuraa :-(
    Allucinante... ma che stress!!!
    Forza e coraggio che ce la puoi fare! Domani ti pensero!! :-)
    Bacioni
    Etta

    RispondiElimina
  3. parecchio smemorata questa madre!!!
    mettersi poi in pari con una anno di asilo è un pò tosto... e tutto perchè negli uffici statali non cè mai nessuno che tira le orecchie a chi sbaglia o peggio ancora non adempie al proprio dovere, passando la patata bollente a qualcun'altro. si sentono tutti deresponsabilizzati e chi ne subisce le conseguense siamo noi poveri cittadini.
    ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Oh Dio mio ! giuro che ti penserò tanto. La tragedia ( soldi a parte) è la procedura di Kafkiana memoria per cui ti rimpallano da una parte all'altra come uno yo-yo. In boca al lupo e un abbraccio, Rosanna

    RispondiElimina
  5. Cara Sarah, come ti capisco: stavolta vorrei emprimermi come non ho mai fatto perchè anch'io ho trapieni i c.. di tutta la burocrazia, di essere presa per ... da persone inesperte, incompetenti, bugiarde e ladre, di prendermi io la colpa per il quieto vivere. Vorrei dire a quei poliziotti che hanno fermato mio marito e che per non avere con sè il formulario, gli hanno fatto una multa da E 3000 ( trasportava tanto zetto per E 15 ripeto 15)che le ferie sono saltate grazie a loro e che forse in questo mondo i veri delinquenti pagano meno...... Poi ti dici "l'importante è LA SALUTE" IO LA STO PERDENDO .... Sarah in mano di rosari ne ho due uno per me e uno per te: auguri .. Ti stringo forte mcarla 50 anni , madre di tre figli grandi

    RispondiElimina
  6. Oh tesoro,
    quanto mi dispiace.
    E' una vergogna: possibile che tra due uffici comunali non si possano fare le comunicazioni dei cambi di residenza??Che disorganizzazione...se lavorassimo così nel privato sarebbe la fine.
    Ti sono vicina e ti penso, coraggio!
    E i soldi di quei bollettini arretrati (gulp!ma quanti sono???) li esigono subito o puoi fare delle rate? Mannaggia, una bella mazzata tra capo e collo.Mi spiace davvero tanto.
    Fra

    RispondiElimina
  7. e poi si chiedono come mai al giorno d'oggi siamo tutti stressati..............
    e il guaio è che è così per ogni cosa, e anche se non si è smemorati si deve comunque correre almeno in tre posti per farne una.......

    un abbraccio, domani mattina sarai nei miei pensieri :o)
    Annalisa

    RispondiElimina
  8. "Voglia di lavorare, saltami addosso"...mai parole furono + azzeccate!!!!!

    Una madre iperindaffarata non può permettersi distrazioni o viene immediatamente penalizzata...
    ...ti sono solidale, pulcetta.
    E io il Rosario ce l'ho...lo sai.
    E tu?

    Bacio grande ♥

    ♥ M.

    RispondiElimina
  9. Cara mamma smemorata, domani sarai nei miei pensieri, puoi contarci!!! Ti auguro di sistemare tutto nella maniera + semplice e tranquilla che possa esserci (magari dilazionare il tutto in un lungo periodo) spero ke i vari impiegati che domani incontrerai si mettano una mano sulla coscienza…. cosa deve fare una famiglia al giorno d’oggi per campare dignitosamente? E se incappa in errori involontari come questi, deve aprirsi l’ennesimo mutuo? In bocca al lupo x il "tragitto" di domani!
    May74

    RispondiElimina
  10. E se la made smemorata provasse a "far riflettere" con cognizione di causa il responsabile dell'ufficio servizio ristorazione e al di lui responsabile provasse a spiegare che nella vita chi compie un gesto di MISERICORDIA per chi è un pochino stanco e poco pratico con la burocrazia sarà ETERNAMENTEEEEEEEEEE guardato dal Cielo....che non è poco come garanzia.
    Un abbraccio affettuoso per farti coraggio.

    RispondiElimina
  11. ... riprovo a postare il commento....Cara mamma smemorata, domani sarai nei miei pensieri, puoi contarci!!! Ti auguro di sistemare tutto nella maniera + semplice e tranquilla che possa esserci (magari dilazionare il tutto in un lungo periodo) spero ke i vari impiegati che domani troverai si mettano una mano sulla coscienza…. cosa deve fare una famiglia al giorno d’oggi per campare dignitosamente? E se incappa in errori involontari come questi, deve aprirsi l’ennesimo mutuo? In bocca al lupo!
    May74

    RispondiElimina
  12. anche se è la prima volta che scrivo seguo sempre il tuo blog e ti capisco anche a me ieri è arrivata una raccomandata errore nel 730 di qualche anno fà soldi da pagare .....ti capisco la vita è proprio dura.....meno male che ci sono sempre delle braccia da abbracciare in bocca al lupo. ciao elisabetta

    RispondiElimina
  13. Cia Sarah, hai ragione è un incubo,io penso che trovando l'interlocutore giusto(è questo il difficile) potresti chiedere una rateizzazione. Il salasso sarà lo stesso ma goccia goccia non vi peserà.
    Un baciotto
    Graziella

    RispondiElimina
  14. Ciao Sarah,forse è per questo che non mi rispondi alla mail ! Hai ben altro a che pensare !!!Mi dispiace tanto...

    Un bacione grande grande !!!!! ^_^


    marica

    RispondiElimina
  15. Forza e Coraggio!
    La nostra bella Italia e la nostra fantastica burocrazia....
    SU due preghierine e via riprndere la strada!!!
    Bacione Saretta!

    RispondiElimina
  16. Povera stella, non vorrei essere nei tuoi panni.... A me vengono gli istinti violenti in queste situazioni ;) Spero che domani sia la volta buona!!! xx bacio

    RispondiElimina
  17. Ciao Sarah, mi dispiace chi andava a pensare una cosa simile sembra inverosimile, supera la fantasia, spero che domani tu riesca a risolvere almeno la parte brocratica, anche gli arretrati non sono uno scherzo, se si potessero dilazionare, mi dispiace tantissimo domani sarai nei miei pensieri facci sapere qualcosa se avrai ancora le forze, un abbraccio rosa

    RispondiElimina
  18. Mia casa Sarah, lavoro da 35 anni in Comune, vivo tutti i giorni questa burocrazia che non spiega, che non è chiara e che è lì solo per punire le mamme smemorate e i cittadini seri!!!
    Molto brevemente ti racconto questa (un noto Avv.to di To mi aveva suggerito di andare a Paperissima) : zona ZTL - il mio compagno (autista privato) cambia auto e come al solito manda un fax alla GTT per comunicare la targa. Per un "disguido" la targa non viene memorizzata... l'auto viene venduta e dopo due anni riceviamo 35 verbali di violazione alla ZTL ed una multa totale di circa 6.000,00 euro... Nessuna multa ci è stata mai notificata e dal 2009 siamo in causa con una assoc. consumatori....
    Dai che andiamo a braccetto!!!!!

    RispondiElimina
  19. Ti penserò e spero che riuscirai a mettere tutto a posto!
    I soldini li prendono e li pretendono sempre da noi poveri lavoratori...
    non ho parole!
    daniela

    RispondiElimina
  20. POVERA MAMMA SMEMORATA!!!! siamo tutte così e poi è un continuo correre a destra ed a sinistra ma.... tutto si aggiusta e tutto passa.. tranquilla e tanti xxxxxx per oggi.. un abbraccio

    RispondiElimina
  21. ...allora sarah, non so come andrà a finire, ma non pagare, i bollettini non possono essere considerati scaduti fin quando non vengono recapitati al mittente. fatti sentire, almeno provaci.

    RispondiElimina
  22. Carissima,in questi gioni di calda estate,il tuo efficacissimo racconto ci rende veramente partecipi dei tuoi affanni!Quanto ti capisco!Alla nascita del mio quarto figlio non ero solo smemorata,bensì affranta! "Non ce la faccio" avevo scritto a lettere cubitali nel mio cuore!Invece no,con un po' d'aiuto quei momenti difficili sono passati ed ora che i miei cuccioli sono un po' più grandi ho trovato la forza per nuovamente sognare,desiderare e costruire!Nella fattispecie sto distruggendo la mia casa per ingrandirla,ma è così che si comincia!Almeno sono fuori dagli asili,però come la mettiamo con i libri delle medie e del liceo che sono carissimi!I miei 7000€ per le finestre salteranno fuori o anche io troverò qualche isee mancante!Sapessi quante corse per l'iscrizione all'università della mia grande!
    Ti penso.
    Nonostante tutto,buona giornata!
    Un bacio.
    Lorenza

    RispondiElimina

Flickr Images